Profilo storico

GELA NELLA PREISTORIA

b_100_75_16777215_00_images_stories_preistoria.gifDurante il Neolitico il territorio di Gela era abitato da popolazioni mediterranee, che vivevano in capanne costruite in legno,paglia e fango.

Tra il 3000 a .C. ed il 1500 a .C. Gela fu abitata prima dai Sicani, in seguito dai Siculi che, passato lo stretto di Messina, combatterono contro i Sicani costringendoli a ritirarsi al di la' del fiume Imera, nella parte occidentale dell'Isola.

I Siculi si stanziarono nella parte sud-orientale, con roccaforti nella zona del Disueri. Sono state trovate testimonianze di questa popolazione nelle necropoli di Disueri, Mangiova, Manfria e Settefarine in cui sono state rinvenute, in tombe scavate nella roccia, utensili, gioielli, armi e giocattoli. 


GELA ELLENICA

b_100_75_16777215_00_images_stories_ellenica.gifGela fu fondata da coloni Rodii-Cretesi guidati da Antifemo ed Entimo intorno al 689 a .C., precisamente, secondo Tucidide, 45 anni dopo la fondazione di Siracusa e 108 anni prima della fondazione di Agrigento.
La città prese il nome di Lindioi e poi Gela, dal nome indigeno del fiume alla cui foce si erano insediati i colonizzatori.

Questi occuparono ben presto, il circondario di Gela fondendo la cultura indigena con la propria. In campo religioso Telines, sommo sacerdote di Demètra e Kore, impose il culto delle proprie divinità esteso al resto della Sicilia e sopraggiunto anche a Roma.

Gela in breve tempo si arricchì di abitazioni, templi dedicati a Demetra e Kore, Athena, Hera, ed altri numi benefici, dando inizio alla colonizzazione delle zone attigue. Nel 580 a .C., coloni di Gela, guidati da Aristinoo e Pistilo, fondarono Agrigento che si rese autonoma dieci anni dopo.

Grazie all'opera dei suoi tiranni (Cleandro, Ippocrate, Gelone) Gela si affermò; in breve tempo, guida per l'unità di tutti i popoli greci della Sicilia. Si impossessò di Camarina, occupò Gallipoli, Nasso e Leontini confermandosi padrona incontrastata della Sicilia greca, creando un blocco contro la minaccia dei Cartaginesi che occupavano la Sicilia occidentale.

Nel 485 a .C. Gelone spostò la sua residenza a Siracusa e nel 480 a .C. Gela partecipò con la sua cavalleria accanto ad Agrigento e Siracusa, alla grande battaglia di Imera che vide la sconfitta di Amilcare e il suo esercito cartaginese forte di trecentomila uomini.

A seguito di questa vittoria Gela si ingrandì ancora e le testimonianze del suo splendore si possono ammirare nel Museo archeologico nazionale. Gelone, della famiglia dei Dinomenidi, inviò due ricchi tripodi d'oro presso il santuario di Apollo a Delfi, dove i Gelesi avevano da tempo costruito un thesauros. A Gela il tiranno innalzò un tempio dedicato a Demètra e Kore, di cui tutt'ora rimane, una colonna in stile dorico.

Gela visse un momento di grande prosperità e abbondanza tanto che Roma, come ci tramanda Erodoto, colpita da siccità e carestia, ne conobbe la generosità, avutone gratuitamente venticinquemila medinni (4859 salme) di frumento spedito con triremi geloe.

Divenuto tiranno di Siracusa, a Gelone succedette, al governo di Gela, il fratello Gerone. Gelone riordinò Siracusa e mise pace fra le fazioni opposte. Gelone morì nel 478 a .C. e per lui cantarono Pindaro, Epicarmo ed Eschilo che elesse Gela a dimora definitiva. Qui morì nel 456 a .C. colpito, dice la leggenda, da una testuggine lanciata da un aquila in volo. Morto Gelone, a Siracusa gli successe il fratello Gerone. A Gela si insediò il terzo fratello, Polizelo, grande mecenate, più volte vincitore dei giochi olimpici. Di lui esiste, a Delfi, una scultura bronzea, l'Auriga, donata dopo aver vinto una delle gare più prestigiose.

Nel 424 a .C. Gela fu scelta per celebrare la prima convention della Sicilia: il congresso della pace. Il motivo della riunione fu dettato dal pericolo che gli Ateniesi si impadronissero dell'Isola approfittando delle discordie tra le grandi e potenti città siceliote. Lo storiografo Tucidide tramanda il discorso tenuto dal siracusano Ermocrate in cui si invitano tutti i partecipanti a deporre le armi fra di loro per affrontare il nemico comune. L'accordo ebbe breve durata.

Sconfitti gli Ateniesi, un altro pericolo appariva all'orizzonte: quello punico. L'avanzata dell'esercito punico metteva in pericolo anche Gela, e come se questo non bastasse, il popolo insorse contro gli aristocratici della città. Intervenuto Dionisio I, accordò al popolo ogni ragione e dopo aver confiscato i beni degli aristocratici, li condannò a morte.

Sconfitta Agrigento i Cartaginesi invasero Gela e Camarina, distruggendole. Gli scampati si rifugiarono a Leontini. Era la primavera del 405 a .C. Dopo otto anni i profughi gelesi provarono a ritornare nella loro città.

Sotto la guida di Timoleonte, Gela ritornò ad essere prospera e visse un lungo periodo di pace: continuò a coniare monete e fiorì nel campo delle arti. Fu questo il periodo in cui vissero i gelesi Archestrato, padre della gastronomia; Apollodoro, poeta e commediografo; Timagora, filosofo; Euclide, matematico.

Morto Timoleonte ( 336 a .C.) ricominciarono i dissidi tra le varie fazioni risvegliando sogni espansionistici tra i popoli nemici della citta' di Gela. Nonostante l'impegno di Agatocle, l'avanzata cartaginese si fece sempre più minacciosa. Lo scontro tra i Cartaginesi, forti di 45 mila uomini e i Sicelioti, tra i quali anche Geloi, fu un disastro per questi ultimi ed i loro alleati. La sconfitta fu l'inizio della fine per Gela. Nel 282 a .C. la città fu distrutta dagli Agrigentini guidati da Finzia.

Questo l'amaro destino di una gloriosa città condotta al massimo splendore dai Dinomenidi di Gela, spartendo le sorti con Agrigento da lei fondata.

 


GELA POST-ELLENICA

b_100_75_16777215_00_images_stories_post_ellenica.gif

Dopo la distruzione della città ebbe inizio l'occupazione dell'Isola da parte dell'esercito romano guidato dal console Marcello che, dopo occupata Siracusa, attrasse alle spire di Roma il resto della Sicilia. I Cartaginesi furono affrontati e sconfitti da Marcello sulle rive dell'Imera meridionale. Tracce di questo importante periodo storico sono state riscontrate nelle campagne di Gela (ceramiche, necropoli bizantine ecc.) e, a riprova si sa che nel 208 a .C. Gela soccorse i Romani (console Levino) con uomini, armi, viveri e denari; nel 202 a .C., Scipione, dopo la conquista di Cartagine, restituì quello che rimaneva dell'antica città molti degli oggetti che i Cartaginesi avevano loro trafugato; nel 76 a .C. Cicerone accusò Verre, il famoso "ladro" romano, di peculato e concussione per le infami ruberie perpetrate anche a Gela; da lui sappiamo inoltre che Gela, dopo la distruzione, fu impinguata di una colonia di Romani, inviata da Publio Servilio.

Nel 603 d.C. la nostra citta' era chiamata "Massa quae dicitur Gela" e sicuramente consisteva in un piccolo borgo il cui centro doveva trovarsi nelle vicinanze del cimitero monumentale, ove più tardi, nel 1099 fu costruita una piccola chiesa, detta di S. Biagio, tutt'ora esistente.

Il nome della città subì vari cambiamenti e Gela fu chiamata, per le colonne che vi sorgevano, anche "Citta' delle colonne" o "Eraclea"; il nome rimase negli atti ufficiali civili fino a quasi tutto il 1700 e negli atti ecclesiastici fino ad oggi.
Nell'837 d.C. la città di Eraclea fu occupata dal condottiero arabo Asad ibn al-Furat. Gli Arabi vi introdussero la coltivazione del cotone e nuovi sistemi d'irrigazione e chiamarono il fiume Gela "Wadi 'as Sawari", ossia "Fiume delle Colonne", e l'abitato "Calat 'as Sawari", Citta' delle Colonne.

Sotto il dominio normanno Eraclea ebbe il privilegio di citta' demaniale decretato dal conte Ruggero e confermato dal re Martino e dai regnanti successivi.

Nel 1233, passata la Sicilia sotto il dominio svevo, Gela fu riedificata da Federico II che la chiamò Terranova, per distinguerla dal vecchio sito ubicato nella parte occidentale della collina, facile preda di incursioni saracene.

Terranova, il cui stemma raffigura l'aquila sveva di Federico II che si poggia su due colonne, sorse nella parte orientale della collina, nel sito attuale ove è ubicato il centro storico che va da Porta Licata a Porta Vittoria e da Porta Marina a Porta Caltagirone. Gli abitanti, poco alla volta, si trasferirono nella nuova città e la circondarono di mura, tutt'ora testimoni silenziosi di quel tempo. Alla morte di Federico II Terranova si dichiarò comune "autonomo" e si pose sotto la protezione della Sede Apostolica. In seguito passò agli Angioini e nel 1282, dopo i Vespri Siciliani, elesse un regime autonomo diretto dal governatore Anselmo Cannizzaro.

Nel frattempo furono costruite la chiesa principale "Santa Maria della Platea" (nel luogo dell'Agorà o piazza) e la vecchia chiesa di S. Giacomo (oggi scomparsa).

Durante il periodo feudale il territorio di Gela fu acquistato da Don Carlo D'Aragona e Grujllas, da cui discesero i duchi di Terranova, tenutari del secondo posto al Parlamento del Regno e più volte vicerè di Sicilia durante la dominazione spagnola.
Nela 1437 Terranova divenne citta' baronale. A Don Carlo D'Aragona successe la figlia Giulia Agliata e dal 1640, per oltre 100 anni, la città passò in mano ai marchesi Pignatelli.

Nel 1788 gli abitanti di Terranova per liberarsi dal vassallaggio nei confronti dei duchi di Monteleone pagarono un riscatto presso il reale Patrimonio, incaricando della questione Don Giuseppe Mallia, barone di S. Giovanni.

Il 3 marzo 1799 il paese venne funestato da un memorabile fatto di sangue, conosciuto come "U ribellu". Le dispute tra conservatori e giacobini culminarono nell'uccisione di cinque rivoluzionari. Non mancarono episodi esilaranti che videro il notaio D'Anna nascondersi sotto il baldacchino del Santissimo, accanto al parroco Mallia che, preoccupato per la tensione tra le due parti, aveva improvvisato, qualche ora prima, una processione del Corpus Domini.

Nela seconda metà dell'800 le idee anarchico-socialiste erano diventate patrimonio comune della povera gente e degli intellettuali della nostra città. Nel novembre del 1892, anno in cui nasceva il partito socialista, veniva costituito il "Fascio dei Lavoratori" che contava, a Terranova, oltre mille affiliati. Primo presidente fu Mario Aldisio Sammito, un patriota intellettuale che aveva avuto rapporti epistolari con Garibaldi, Mazzini e altri eroi risorgimentali. Il Fascio, che rivendicava più giustizia sociale e meno imposizioni fiscali, venne sciolto due anni dopo dal governo Crispi e i suoi dirigenti furono imprigionati.

L'abolizione del feudo, decretata nel 1812, rimase un atto puramente formale. Il ricco patrimonio del comune di Terranova era ancora nelle mani di poche famiglie; a nulla valsero le denunce di onesti consiglieri comunali contro gli illegittimi possessori che, tra l'altro, erano anche amministratori della citta'. Le terre demaniali (Farello, Gibilmuto, Zai, San Leo, Scomunicata e altre contrade) non riuscirono ad essere reintegrate nel patrimonio comunale, nonostante la sentenza emanata il 27 novembre 1915 dalle Sezioni Unite del Collegio Supremo.

Nel 1927 la città fu autorizzata a chiamarsi con l'antico e glorioso toponimo greco. Dopo lunghi decenni di decadenza, dovuti alla generale questione meridionale, alle ultime guerre e alle ricorrenti crisi agricole, fu scoperto il petrolio nel sottosuolo gelese (1956).
La favorevole posizione geografica, la presenza del greggio, La fame atavica del luogo, indussero l'ENI e lo Stato alla costruzione di uno stabilimento petrolchimico, munito di porto-isola, che doveva favorire l'industrializzazione di Gela e del circondario.

Lo stabilimento, purtroppo, in assenza di una seria politica di governo si è rivelato una cattedrale nel deserto, lasciando insoluti i problemi di sempre e disattendendo le speranze dei gelesi.


Testi a cura di Nuccio Mulè - Archeoclub Gela

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso clicca su `Approfondisci`. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su `Accetto` acconsenti all`uso dei cookie.