Servizio idrico, contributo per le “utenze deboli”

Entro il prossimo 30 novembre, al Comune di Gela, le famiglie che versano in particolari condizioni economiche possono presentare una richiesta per accedere al contributo per fornitura idrica a favore delle cosiddette “utenze deboli”. Lo ha reso noto l’assessore ai Servizi Sociali Licia Abela.

Hanno diritto all’agevolazione i nuclei familiari che hanno fino a 3 figli a carico con una certificazione Isee con valore dell’indicatore fino a 7.500 euro, o le famiglie con oltre 3 figli a carico ed una certificazione Isee con valore dell’indicatore fino a 20.000 euro. Sono esclusi dal contributo i morosi che non provvedano a regolarizzare la propria posizione o le utenze che già usufruiscono della tariffa agevolata riservata ai pensionati.

Modelli e modalità di presentazione dell’istanza sono disponibili negli uffici del Segretariato Sociale, in viale Mediterraneo, o da QUI. L’importo dell’agevolazione verrà definito dalla Giunta Municipale, presieduta dal sindaco Domenico Messinese, sulla base delle domande presentate dagli aventi diritto. Il fondo assegnato al Comune di Gela per il 2016 ammonta a quasi 42 mila euro.

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso clicca su `Approfondisci`. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su `Accetto` acconsenti all`uso dei cookie.