Aperti al pubblico: Lun | Mer | Ven 8.30 - 13 - Mar | Gio 8.30 - 17.30

0933 906111

Circonvallazione, cambia il progetto e serve l’ok del consiglio comunale. Greco: “Stiamo accelerando”

Va avanti l’iter per la realizzazione della circonvallazione. Questa mattina, al Comune, il Sindaco Lucio Greco, il presidente del consiglio comunale Totò Sammito e l’assessore all’urbanistica Ivan Liardi hanno fatto il punto con l’ing. Giovanni Iozza dell’Anas e l’ing. Maria Coppola, Rup di Anas, ed è stato stabilito che, essendo il progetto cambiato rispetto a quello originario, sarà necessario mettere mano ad una variante al PRG da far approvare in tempi celeri in consiglio comunale. Inizialmente, il tracciato si estendeva verso sud, lato mare, in zone collinari coperte da vincoli paesaggistici, cosa che rendeva necessaria anche la realizzazione di una galleria lunga circa 1 chilometro. Ora è stato proposto di spostarlo più a nord, in aree più pianeggianti, per cui la lunghezza della galleria si è ridotta notevolmente. Gli svincoli della tangenziale andranno ad intercettare la SP 87, la SP 81, la Gela – Butera e la SS 117 bis Gela – Catania.

L’incontro di oggi si è reso necessario perchè l’iter sta, finalmente, subendo un’accelerazione. Nella prima decade di febbraio, il commissario straordinario, ing. Raffaele Celia, ha avviato la fase della conferenza di servizi, anche per apporre i vincoli di esproprio nelle aree sulle quali si svilupperà il percorso della tangenziale, e venerdì scorso la Commissione osservatorio regionale per la qualità del paesaggio ha rilasciato parere favorevole. “I tempi sono molto stretti, dobbiamo concludere tutto entro il 31 marzo, ma contiamo di farcela. L’ANAS sta avviando il procedimento per l’approvazione del progetto definitivo, con il quale andare direttamente in gara, senza dover pensare a quello esecutivo. Tempi e fondi sono praticamente sicuri, perché è tutto delegato al commissario straordinario, ma serve una presa d’atto del consiglio comunale, che deve approvare il nuovo tracciato. Noi siamo pronti, forniremo i pareri necessari a stretto giro e, previa una riunione con le commissioni consiliari, non appena tutta la documentazione sarà pronta, l’ordine del giorno verrà inserito in civica assise e l’atto sarà reso immediatamente esecutivo. Naturalmente, qualora dovessero sorgere da parte dei consiglieri domande dettagliate e tecniche, anche al RUP del progetto e all’ANAS sarà chiesto di prendere parte ai lavori d’aula. La tangenziale è un’opera fondamentale per il nostro territorio, per collegarlo al resto della Sicilia e per dare dignità ad una viabilità che, nei giorni scorsi, non ho esitato a definire da terzo mondo e, come amministratori, faremo la nostra parte” hanno dichiarato il Sindaco Greco e il Presidente Sammito.

Leggi tutto

Stop al volantinaggio selvaggio, ordinanza del Sindaco Greco. Multe fino a 600 euro

ORDINANZA SINDACALE
Oggetto: Divieto di distribuzione ed affissione, fuori dagli orari e dagli spazi previsti, di volantini,
depliant, manifesti e di altro materiale a contenuto pubblicitario, nonché di affissione, fuori dagli spazi
all’uopo consentiti, di avvisi e annunci funebri, per motivi di igiene pubblica, di decoro e di vivibilità
urbana.

IL SINDACO
Premesso che:
è ancora consolidata nel nostro territorio l’insana pratica di molte aziende e ditte commerciali di pubblicizzare i
loro prodotti e/o i loro programmi aziendali e offerte commerciali mediante la distribuzione di volantini
pubblicitari e loro dispersione lungo le strade, piazze e luoghi pubblici, ovvero con la loro affissione su pareti di
edifici privati e pubblici che, esposti alle intemperie, sovente si riversano sulle strade pubbliche dopo essersi
distaccati dai relativi punti di affissione;
tale pratica comprende anche il deposito precario di volantini a carattere pubblicitario sugli infissi e /o ingressi
delle abitazioni, sui parabrezza degli autoveicoli in sosta lungo le vie e sugli spazi pubblici, ovvero anche la
loro affissione sui pali della pubblica illuminazione e su altra installazione pubblica e/o attrezzature di arredo
pubblico;
parimenti, è tuttora pratica diffusa quella di affiggere fuori dagli spazi all’uopo dedicati e spesso sulle pareti
esterne di edifici, pubblici e privati, prospicienti le pubbliche vie e piazze cittadine, avvisi e annunci funebri.
Considerato che:
tali pratiche determinano il quotidiano deturpamento di luoghi pubblici e l’alterazione del decoro urbano,
unitamente al sistematico imbrattamento di impianti, strutture, strade e spazi pubblici, con frequenti accumuli di
materiale cartaceo lungo le stesse vie pubbliche, data anche l’estrema facilità con cui si è soliti disfarsi dei
volantini, depliant e materiale pubblicitario abbandonandoli per strada, con conseguente difficoltà nella loro
raccolta in quanto sovente costituenti rifiuto non più differenziabile e come tale causa del degrado in cui
sovente versano molte delle vie cittadine.

Rilevato che:
l’esorbitante e considerevole quantitativo di avvisi e annunci, volantini, manifesti ed altro similare materiale
cartaceo pubblicitario e di varie dimensioni sparso lungo le strade e i bordi stradali determina un vero e proprio
inquinamento di rifiuti speciali assimilati a quelli urbani, reso ancora più critico dalle attuali avverse condizioni
metereologiche di vento e/o di pioggia che, contribuendone alla loro ulteriore disseminazione anche nei piccoli
anfratti e lungo gli stessi canali di scolo, finiscono anche con l’impedire il normale deflusso delle stesse acque
meteoriche lungo il sistema fognario, con conseguenti problematiche di carattere igienico sanitario, di degrado
urbano e di protezione civile, anche per via dei pericoli di allagamenti delle strade cittadine e di pregiudizio per
la stessa sicurezza della circolazione stradale.

Ritenuto che:
rientrano tra gli obiettivi strategici e prioritari dell’Amministrazione, costituendo peraltro oggetto delle attività
istituzionali proprie dell’Ente, la tutela e il miglioramento del decoro urbano e della qualità di vita dei cittadini;
il perseguimento di tali obiettivi non può prescindere da una azione di contrasto contro i superiori fenomeni di
degrado ambientale, tra cui l’abbandono, l’accumulo incontrollato e lo spandimento dei rifiuti lungo le vie e gli
spazi pubblici;
l’entità dei fenomeni di degrado ambientale, siccome determinati dalle prassi e dalle attività sopra dette, tuttora
diffuse tra gli operatori commerciali, producono un danno per l’immagine della città, causa le oggettive loro
ricadute negative in termini di condizioni di normale vivibilità e decoro che la rendono meno appetibile per
nuovi investimenti, impedendone le possibilità di sviluppo.

Rilevato pertanto che:
appare pertanto opportuno e necessario perseguire in modo rigoroso le attività e le prassi sopra dette, a tutela
dell’igiene ambientale e per la migliore salvaguardia possibile delle condizioni di vivibilità, di decoro urbano e
di sicurezza della circolazione, seriamente compromesse dalla sistematica e aggressiva disseminazione lungo le
strade e i bordi stradali, spazi e luoghi pubblici e/o aperti al pubblico di rifiuti speciali assimilabili a quelli
urbani, in materiale cartaceo e di difficile differenziazione proveniente dalla distribuzione e affissione a tappeto
degli avvisi, manifesti e altro materiale pubblicitario, nonché dall’affissione selvaggia di manifesti e avvisi
funebri fuori dagli
spazi a ciò dedicati;
Dato atto:
che già in precedenza risultano esser state emesse analoghe ordinanze sindacali n. 440 del 21.07.1999, n. 752
del 21.09.2010, n. 85 del 26.2.2016 e n. 100 del 05.03.2019;
che continuano ancora a persistere le condizioni che hanno a suo tempo imposto l’adozione dei divieti di cui
all’oggetto, essendo stato fatto presente dal DEC preposto al controllo sul servizio di igiene ambientale della
città di Gela che sussiste un notevole quantitativo di rifiuti stradali sparsi lungo i bordi stradali costituito dal
materiale di cui in premessa.
Visto il vigente regolamento comunale per la disciplina e la raccolta dei rifiuti urbani, approvato con delibera
CC n. 157 del 29.07.2019;
Letti gli artt. 50 D.Leg.vo n. 267/2000 (TUEL), 15, comma 1, lett. I del vigente Codice della Strada e 191
D.Lg.vo n. 152/2006 (TUA)

ORDINA
Per le ragioni espresse in premessa:
1) in tutto il territorio comunale è fatto assoluto divieto a tutte le aziende e ditte commerciali di
pubblicizzare i loro prodotti, programmi aziendali e offerte commerciali mediante l’affissione e/o
apposizione su pali della pubblica illuminazione e della segnaletica stradale, sulle pareti di edifici
pubblici e privati non autorizzati, su alberi e su altra installazione pubblica e/o attrezzature di arredo
pubblico, di manifesti, avvisi, volantini e di altro materiale a contenuto pubblicitario;
2) E’ altresì’ fatto divieto in tutto il territorio comunale alle aziende e ditte commerciali operanti nel settore
dei servizi delle pompe funebri di affiggere, fuori dagli spazi consentiti, avvisi e manifesti funebri;
3) E’ vietato, in tutto il territorio comunale, distribuire manifesti, opuscoli, avvisi, volantini o altro
materiale a contenuto pubblicitario ai conducenti e/o ai passeggeri di autoveicoli durante la loro
circolazione e in prossimità di incroci e/o rotatorie stradali;
4) E’ vietato in tutto il tutto il territorio comunale distribuire manifesti, opuscoli, avvisi, volantini e altro
materiale pubblicitario sotto le porte di accesso, sugli usci e gli androni di edifici privati e pubblici, sui
parabrezza e sui lunotti degli autoveicoli in sosta lungo le vie pubbliche.
5) E’ consentita, solo in occasione di manifestazione politiche, sindacali, religiose, celebrative, ovvero di
rilevanza sociale, da svolgersi in luoghi e/o spazi pubblici, ove autorizzate a termini di legge, la
distribuzione di volantini ai soli cittadini che si dichiarino interessati, con l’obbligo per gli organizzatori
di vigilare perchè non vengano abbandonati per strada.
6) L’attività di volantinaggio a scopi pubblicitari rimane disciplinata dal vigente Regolamento (delibera
CC n. 44 del 26.4.2021), con l’obbligo per la ditta incaricata di dare preventiva comunicazione al
Comando di Polizia Municipale e all’Ufficio CUP – Settore Tributi del Comune di Gela, almeno cinque
prima della distribuzione, contenente l’indicazione della data in cui avranno inizio le attività e il
numero degli addetti, unitamente alla quietanza dell’imposta di € 6,00 dovuta, a termini della Delibera
G.M. n. 162 del 18.06.2021, per ogni singolo operatore impiegato nella giornata in cui dovrà svolgersi
la detta attività.

AVVERTE
che in caso in trasgressione alla presente ordinanza, verranno comminate, tranne che il fatto non costituisca
reato o più grave illecito amministrativo, le prescritte sanzioni pecuniarie da un minimo di € 100,00 al massimo
di € 600,00.
La presente Ordinanza avrà effetto per la durata di gg. novanta a decorrere da oggi

DISPONE
che la presente Ordinanza sia resa pubblica a tutti mediante le prescritte forme di pubblicazione all’Albo
Pretorio, comprese le pubblicazioni mediante affissione sul territorio comunale e la pubblicazione nel sito
internet istituzionale dell’Ente.

INFORMA
che avverso la presente ordinanza potrà essere esperito ricorso giurisdizionale avanti il competente TAR Sicilia
entro 60 gg. dalla sua pubblicazione, ovvero, in alternativa, ricorso straordinario al Sig. Presidente della
Regione Siciliana nel termine di gg. 180 dalla sua pubblicazione
Spetta al Comando di Polizia Municipale e alle altre Forze di Polizia curare l ‘esecuzione della presente
Ordinanza e l’applicazione delle prescritte sanzioni in danno dei trasgressori.

Leggi tutto

Patto per il Sud, inaugurata questa mattina la nuova via Niscemi

Inaugurata questa mattina, dal Sindaco Lucio Greco e dall’assessore ai lavori pubblici Romina Morselli, la nuova via Niscemi, che adesso si presenta alla città e a chi arriva dai comuni limitrofi con una veste totalmente rinnovata. Un manto stradale realizzato alla perfezione e due rotonde garantiscono una circolazione viaria decisamente più sicura, mentre i nuovi marciapiedi in pietra bianca danno un’immagine più fresca e ordinata. A completare il tutto, l’illuminazione pubblica e il verde curato. I lavori, finanziati con i fondi del Patto per il Sud, sono durati un anno circa, e hanno registrato rallentamenti dovuti all’emergenza Covid, che ha costretto i cantieri a fermarsi più volte. Ma ora, finalmente, una delle aree poste all’ingresso della città, e che danno, quindi, il benvenuto, a chiunque arrivi da fuori, è al massimo del suo splendore.

“Questo di via Niscemi è stato uno dei più importanti progetti di riqualificazione che abbiamo seguito e monitorato sin dal nostro insediamento, – ha dichiarato il Sindaco – e vederlo adesso così, con carreggiate pulite e sicure, marciapiedi nuovi, segnaletica verticale e orizzontale rinnovata e nuovi contenitori per i rifiuti installati ci carica di entusiasmo per tutto il lavoro che ancora c’è da fare. Abbiamo da poco appaltato i lavori di Porta Vittoria, ad esempio, per cui apriremo questo nuovo cantiere, e in programma c’è anche la gara per via Ventura, solo per citare un paio di interventi, ma la città è davvero un cantiere a cielo aperto. In passato, abbiamo messo tanta carne sul fuoco e adesso cominciamo lentamente a raccoglierne i frutti. L’obiettivo resta quello di consegnare ai gelesi, da qui alla fine del mio mandato, una Gela moderna, luminosa, green e proiettata nel futuro”.

“Via Niscemi è una delle prime immagini che catturano lo sguardo di chi arriva dalle città vicine, – aggiunge l’assessore Morselli – e l’inaugurazione di oggi rappresenta un passo avanti nell’ottica della trasformazione della città. Ricordo che si sta ultimando anche un tratto di via Navarra, e che tanti altri sono i cantieri aperti al momento. Purtroppo, le emergenze non mancano mai, anzi, è un continuo rincorrerle e pensare all’ordinario in mezzo allo straordinario, ma l’attività di ricognizione che ho avviato insieme ai tecnici del settore va avanti, e pian piano speriamo di dare le opportune e necessarie risposte a tutti i cittadini”.

Leggi tutto

Un week end di grande sport al PalaLivatino, con il 2^ torneo nazionale paralimpico di tennis tavolo

Domani, sabato 26, e domenica 27 febbraio, il PalaLivatino di Gela riaprirà le porte, dopo quasi due anni di silenzio dovuti alla pandemia. E si partirà subito alla grande, con il 2^ torneo nazionale predeterminato paralimpico di tennis tavolo, disciplina sportiva nella quale la città sta facendo veramente molto bene, grazie alla ASD Tennistavolo Gela. L’evento, che porterà in città 22 squadre provenienti da tutta Italia, è stato presentato questa mattina in conferenza stampa dall’assessore allo sport, Cristian Malluzzo. Il Comune, infatti, ha patrocinato l’iniziativa, illustrata anche dai vertici dell’ASD Tennistavolo Gela, il presidente Santi Marù e il vice Alfonso Peritore, oltre che da Dario Antonuccio, responsabile sport della Meic Services.

“Questa per noi è una iniziativa davvero lodevole, – afferma l’assessore Malluzzo – perché darà visibilità alla città e permetterà di riaccendere, finalmente, la luce e l’entusiasmo del PalaLivatino. Insieme al Sindaco Lucio Greco, saremo presenti alla competizione sia sabato che domenica, per portare non solo il saluto delle Istituzioni ai nostri ospiti, ma anche il nostro tifo. Il doppio risultato che raggiungiamo grazie a questo evento ci rende orgogliosi e ci dice che, come amministrazione, stiamo facendo bene. Siamo vicini e grati a tutte le società che si impegnano a fondo per portare a Gela eventi così importanti e di caratura nazionale, che permettono anche all’economia di ripartire. 22 società che arrivano, infatti, non portano solo atleti, ma anche accompagnatori, familiari, arbitri e dirigenti che pernotteranno nelle nostre strutture ricettive e mangeranno nei nostri ristoranti, dando ossigeno al nostro settore socio-economico”

Il Presidente Marù, nel suo intervento, ha voluto ringraziare sia il comune di Gela che la Meic e ha voluto evidenziare i tre aspetti (sociale, economico e sportivo) dell’evento, dato che tanti ragazzi speciali, facenti parte di diverse associazioni sportive e società, verranno a Gela e si confronteranno a livello agonistico. Al loro fianco ci saranno i vertici del Comitato Paralimpico, del Coni Sicilia e del Fitet. Ha garantito la sua presenza, inoltre, l’assessore regionale allo sport Manlio Messina.

La Meic Services donerà a tutti alcuni prodotti tipici del territorio, dall’olio ai dolci, oltre a dei volantini che promuovono l’immagine di Gela. “Due anni fa abbiamo fatto una scelta – ha dichiarato Dario Antonuccio – ossia quella di usare lo sport come volano per portare persone a Gela, perché siamo convinti che, insieme agli spettacoli e agli eventi culturali, è un veicolo formidabile per attrarre visitatori che poi scoprono una città che non si aspettano. Inizialmente, magari, sono un po’ prevenuti, ma poi si innamorano di tutta la bellezza che c’è, conoscono i gelesi e il loro calore, il nostro lungomare con i suoi locali, l’accoglienza delle strutture ricettive, la storia e il volto nascosto della nostra città”.

Al PalaLivatino ci saranno 12 aree da gioco, ma, essendo la struttura omologata per 20, a breve si potranno ospitare anche i campionati nazionali individuali che porteranno a Gela 1600 atleti oltre a 500 tra dirigenti, accompagnatori e arbitri. “Siamo lieti di rimettere finalmente la struttura a disposizione della città, ed è un onore farlo grazie all’ASD Tennistavolo Gela che opera da decenni nel territorio ed è ampiamente riconosciuta e apprezzata anche all’interno delle federali nazionali” ha concluso Antonuccio.

Leggi tutto

La drammatica morte di Tiziano Iudica, Greco: “Lutto cittadino nel giorno dei funerali”

Dichiarazioni del Sindaco Lucio Greco:

Tre morti. Tre vittime della strada che si sarebbero potute tranquillamente evitare se solo la sanità pubblica avesse dato ad un cittadino niscemese di 76 anni, ricoverato al “Vittorio Emanuele” di Gela, la possibilità di non fare su e giù in ambulanza, lungo le nostre arterie disastrate.

Sono addolorato, esterrefatto e anche indignato. Il gravissimo incidente di ieri sulla statale 626 per Caltanissetta, all’altezza dello svincolo per Butera, è una ferita per tutti, che, al netto del dolore per la perdita di tre vite umane, ripropone due piaghe del nostro territorio: una sanità estremamente precaria e una viabilità da terzo mondo.

L’ambulanza condotta dal 49enne gelese Tiziano Iudica era partita ieri mattina presto dal “Vittorio Emanuele” alla volta del “Sant’Elia”, perché il paziente necessitava di una consulenza nell’unità di Emodinamica del capoluogo. Il nostro nosocomio, infatti, sebbene sia necessario un reparto di emodinamica ogni 75mila abitanti, e quindi ci spetterebbe di diritto, ne è privo. E così succede quello che non è tollerabile, e cioè che una persona in età avanzata ed estremamente fragile debba mettersi su strada per avere accesso ad una consulenza, e perda la vita per questo! Non ci sono parole per descrivere la mia amarezza.

Iudica era un nostro concittadino amato e stimato, da tutti descritto come un ragazzo splendido, un amico speciale, il fratello che tutti vorremmo avere. Lascia una figlia adolescente, i genitori, una sorella e un fratello devastati. Come devastati siamo tutti.

Per questo, voglio annunciare sin da ora che nel giorno dei suoi funerali a Gela sarà proclamato il lutto cittadino. E’ il nostro modo per dimostrare vicinanza alla famiglia e per dare un significato reale alle condoglianze che, come amministrazione comunale tutta, vogliamo porgere ai familiari.

Un pensiero, infine, al medico e all’infermiere ricoverati a seguito dello stesso incidente. Ad entrambi i migliori auguri di una pronta e totale guarigione, almeno nel corpo. Le ferite dell’anima, temo, avranno bisogno di molto più tempo.

Leggi tutto

Ripristino del manto stradale: gestori convocati lunedì 7 marzo nell’aula consiliare

Il sindaco Lucio Greco e l’assessore ai lavori pubblici Romina Morselli intendono andare fino in fondo, come annunciato nel corso del sopralluogo in via Colombo, in merito alla questione del ripristino del manto stradale cittadino al termine dei lavori eseguiti dai gestori dei sottoservizi di reti pubbliche (Caltaqua, Open Fiber, Enel, Italgas, Tim) e hanno convocato un tavolo tecnico, allargato anche a Ghelas e Ati, per lunedì 7 marzo nell’aula consiliare.

Il servizio controllo reti del settore manutenzione ha rilevato concrete inosservanze del regolamento comunale delle manomissioni e dei ripristini sui sedimi stradali e ritardi nell’esecuzione degli interventi di ripristino, oltre che la mancata reperibilità dei responsabili dei cantieri. Tutti motivi molto gravi che hanno spinto l’amministrazione comunale ad agire tempestivamente. “Vogliamo lanciare un invito con largo anticipo ai gestori – affermano il Sindaco e l’assessore Morselli – affinché questi giorni che portano al 7 marzo servano loro per procurarsi tutte le relazioni tecniche dei lavori eseguiti e far si che la discussione in sede di tavolo tecnico possa essere fruttuosa. Vengano pure coi loro direttori dei lavori, ma non vogliamo che, al termine di quella riunione, ci chiedano altro tempo. Ci devono dire chiaramente come, quando e dove sono intervenuti, dove si sono fermati, che materiali sono stati utilizzati e se sono stati fatti i ripristini definitivi. Carte alla mano, devono produrre un elenco dettagliato di tutti gli interventi autorizzati, in itinere o in corso di avvio, muniti di schede e di cronoprogrammi dei lavori”.

Negli ultimi giorni, da un giro di ricognizione complessivo fatto in città dagli amministratori insieme ai tecnici del settore, è emerso che mancano completamente i ripristini definitivi, sono stati fatti solo quelli parziali e pure male, spesso è stato solo rattoppato il manto stradale. “Il 7 marzo, pertanto, – proseguono Greco e Morselli – chiederemo che si rispetti alla lettera quello che prevede il contratto. Noi, come Comune, abbiamo diritto ad avere quello che ci spetta, diversamente ci vedremo costretti ad intraprendere azioni più dure e ad affidare incarichi legali. Ovviamente, non vogliamo arrivare allo scontro, ma neanche possiamo permettere che lascino una città devastata. I cittadini giustamente sono esasperati, molti hanno riportato danni ai propri mezzi e qualcuno deve pagare per questo. Speriamo, naturalmente, che i gestori collaborino”.

Leggi tutto

Avviso del settore Servizi Sociali per il mantenimento dell’iscrizione nel registro generale regionale delle associazioni di solidarietà familiare

L’avviso riguarda:

1)Il mantenimento dell’iscrizione nel Registro Generale Regionale delle Associazioni di Solidarietà Familiare;
2) Il mantenimento dell’iscrizione dell’organizzazione nel Registro nel Registro Generale Regionale delle Associazioni di Promozione Sociale;
3) Il mantenimento dell’iscrizione dell’organizzazione nel Registro nel Registro Generale Regionale del Volontariato

I dettagli in foto

Leggi tutto

Spazzamento meccanico stanotte in via Venezia, emessa una ordinanza di PM

Il settore Ambiente del Comune e la Tekra continuano con la pulizia ordinaria e straordinaria del territorio. Nelle ultime settimane, diverse squadre di operai sono state impegnate nello scerbamento e nello spazzamento meccanico e manuale di varie zone della città, dalla stazione al commissariato di polizia, fino a Fondo Iozza e al centro storico.

Adesso si interverrà in un tratto di via Venezia, e per questo è stata emessa una ordinanza del settore Polizia Municipale. E’ necessario, infatti, che i cittadini collaborino, sostando altrove le loro auto, per permettere ai mezzi che si occupano dello spazzamento meccanico di pulire bene e velocemente tutto.

L’ordinanza prevede, dalle ore 4.00 alle ore 10.00 del 25 Febbraio, il divieto di sosta con rimozione forzata ambo i lati nelle seguenti strade:

– Via Ruggero Settimo, tratto compreso tra la via Recanati e la via Venezia;

– Via Dinomane, tratto compreso tra la via Recanati e la via Venezia;

– Via Jacopo da Lentini, tratto compreso tra la via Recanati e la via Venezia;

Nelle suddette arterie cittadine, secondo quanto previsto dal Codice della Strada, già 48 ore prima degli interventi la Polizia Municipale ha provveduto ad apporre la necessaria segnaletica stradale.

“Ancora una volta – afferma l’assessore Cristian Malluzzo – chiediamo la collaborazione dei cittadini e ci scusiamo per i disagi. Ci auguriamo che la gente comprenda che lo facciamo perché è realmente necessario, e che non vorremmo procedere con la rimozione forzata dei mezzi. Anche per la prossima settimana sono stati già programmati altri interventi, e a breve ne daremo opportuna comunicazione”.

Leggi tutto

Approvato il bilancio consolidato 2020, Greco: “Un plauso all’assessore Giordano e ai consiglieri”

Approvato ieri sera a maggioranza il bilancio consolidato 2020, che ha incassato 11 si e 2 no mentre un consigliere si è astenuto. Grazie a questo importante atto finanziario, giunto in aula con un po’ di ritardo rispetto alla tabella di marcia perché è stato necessario attendere il bilancio dell’Ato Cl 2, sarà possibile assumere un nuovo dirigente, che andrà ad occuparsi del delicato settore ambientale. I lavori d’aula si sono protratti per 45 minuti circa, nel corso dei quali alcuni consiglieri che avevano dei dubbi hanno potuto esporli e avere i loro chiarimenti, poi si è passati alla votazione e all’approvazione.

“E’ stata una seduta veloce, tranquilla, improntata al dialogo e alla condivisione. Davvero un ottimo lavoro – ha commentato il Sindaco Lucio Greco – per il quale esprimo un plauso e un ringraziamento in primis all’assessore Danilo Giordano e poi a tutti i consiglieri. Grazie al bilancio consolidato approvato questa sera, la città può permettersi di guardare al futuro con un pizzico di serenità in più, che è in assoluto la cosa più importante”.

“Non posso che essere soddisfatto, – ha aggiunto l’assessore Giordano – sia per il modo in cui si sono svolti i lavori, motivo per cui ci tengo a ringraziare i consiglieri di maggioranza, sia perché stiamo dotando la città di un altro importante documento finanziario che permetterà, tra le altre cose, di sbloccare l’assunzione di un nuovo dirigente tecnico attraverso la mobilità esterna. Questo si tradurrà in una boccata d’ossigeno non da poco per il carente personale che ogni giorno, a fatica, cerca di far funzionare al meglio la macchina amministrativa per dare risposte celeri alla comunità. Il lavoro d’ufficio paga, nonostante le numerose difficoltà, e con il dirigente De Petro e i tecnici ci siamo impegnati a fondo per far si che stasera tutti gli atti propedeutici fossero pronti”.

Leggi tutto

Plesso Solito: affidato l’incarico al tecnico che si dovrà occupare della progettazione

Nuovo passo in avanti verso i lavori di riqualificazione e messa in sicurezza del plesso Solito. Questa mattina il Sindaco Lucio Greco, alla presenza degli assessori Romina Morselli, Ivan Liardi, Cristian Malluzzo e Nadia Gnoffo, ha incontrato il dirigente Baldassarre Aquila per aggiornarlo sull’iter, che, dopo l’approvazione, qualche mese fa, di un mutuo di circa 3 milioni con la Cassa Depositi e Prestiti, procede speditamente. Nei giorni scorsi, è stato affidato l’incarico al tecnico che si dovrà occupare della delicata fase della progettazione.

“Entro 30 giorni, ed è un termine perentorio, depositeremo il progetto, quindi, ultimata questa fase, si procederà immediatamente con la gara per l’affidamento dei lavori. Abbiamo avuto modo, stamane, – ha dichiarato il Sindaco Lucio Greco – di mostrare al dirigente la determina con l’impegno delle somme, e lo abbiamo rassicurato sul fatto che continueremo a seguire questa vicenda con la stessa velocità e l’attenzione massima riservata fino ad oggi. E’ stato un incontro molto cordiale, e ci siamo lasciati con una stretta di mano. La sinergia tra scuola e istituzioni è fondamentale sempre, ma in casi come questi assume una rilevanza ancora maggiore e ci permette di lavorare al meglio delle nostre possibilità. Ricordo a tutti che il cedimento è avvenuto in piena estate, non siamo neanche in primavera e siamo già in una fase avanzata dell’iter. E speriamo di accelerare ancora di più. Nel frattempo, naturalmente, continuiamo a preoccuparci anche degli alunni e a pensare al loro futuro, per ridurre al minimo i disagi loro e dei loro genitori. Anche su questo fronte posso garantire che non faremo mai venir meno il nostro sostegno, non a parole ma concreto”.

Il dirigente Aquila ha chiesto rassicurazioni circa il fatto che, per il prossimo anno scolastico, gli alunni possano rimanere a frequentare dove sono attualmente, senza ulteriori trasferimenti e disagi, e l’assessore Gnoffo ha garantito che si attiverà da subito affinchè ciò accada.

Leggi tutto