Aperti al pubblico: Lun | Mer | Ven 8.30 - 13 - Mar | Gio 8.30 - 17.30

0933 906111

Cambiano nome alcune vie di contrada Nocera. I residenti sono pregati di recarsi all’ufficio Anagrafe

Cambiano ufficialmente nome alcune vie del quartiere di contrada Nocera, dando seguito alla deliberazione della giunta municipale n.37 del 14 febbraio 2020 con la quale era stata approvata la proposta di intitolare nove strade che, fino ad oggi, sono state indicate da numeri.

Nel 2020 erano già arrivati i pareri favorevoli della Soprintendenza ai Beni Culturali ed Ambientali di Caltanissetta, della Società Nissena di Storia Patria di Caltanissetta e del Commissariato di Pubblica Sicurezza. Ora è arrivato anche il decreto di autorizzazione del Prefetto, l’unico tassello che mancava per ultimare l’iter e dare l’autorizzare di procedere al Comune.

Ecco quali sono le vie interessate dai provvedimenti:

Ff 14 diventerà via Tenente Luigi Casciana

Ff 17 diventerà via prof. Nunzio Vicino

Ff 18 diventerà via prof. Nicolò Di Fede

Ff 19 diventerà via Scrittore Giuseppe Corrao

Ff 13 diventerà via Leonardo Speziale

Ff 2 diventerà via Bersagliere Giacomo Lisacchi

Ff 3 diventerà via Tenente Francesco Villari

Ff 4 diventerà via Tenente Francesco Caponetti

Ff 5 diventerà via Senatore Nino Occhipinti

Tutti i cittadini residenti in queste vie sono pregati di recarsi all’ufficio anagrafe del Comune per compilare, gratuitamente, il modello Istat del cambio di residenza.

Leggi tutto

Avviso di selezione pubblica per un incarico di dirigente del settore Ambiente e Decoro Urbano

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO A TEMPO PIENO E DETERMINATO DI DIRIGENTE TECNICO DEL SETTORE AMBIENTE E DECORO URBANO, AI SENSI DELL’ ART. 110, COMMA 1, DEL D.LGS 267/2000 E S.M.I..

IL DIRIGENTE
Premesso che con deliberazione di G.C. n. 81 del 8/04/2021 è stato approvato, in uno alla dotazione organica del Comune, il Piano Triennale dei Fabbisogni di Personale (PTFP) per il triennio 2021- 2023, a cui si rimanda integralmente;
Atteso che nel citato Piano Triennale dei Fabbisogni di Personale, con particolare riferimento alla programmazione delle assunzioni di personale per l’anno 2021, è previsto, tra l’altro, il reclutamento di n. 1 Dirigente tecnico ai sensi dell’art. 110, comma 1, del D.Lgs n. 267/2000 e s.m.i.;
Richiamato l’atto di indirizzo espresso dal Sindaco con nota prot. n. 27759 del 07/03/2022;
Visto il “Regolamento comunale per la disciplina dei concorsi e delle altre procedure di assunzione di personale”, approvato con deliberazione di G.C. n. 329 del 18/12/2020 e modificato con deliberazioni di G.C. n. 30 del 09/02/2021, n. 233 dell’11/11/2021 e n. 37 del 03/03/2022, il quale all’art. 64 disciplina, in applicazione delle disposizioni recate dall’art. 110, comma 1, del D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i., la selezione per la copertura di posizioni dirigenziali in dotazione organica con rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato;
Visto l’Organigramma del Comune, approvato con deliberazione di G.C. n. 69 del 29/03/2021 e modificato con deliberazione di G.C. n. 197 del 15/09/2021;
Visti:
l’art. 110 del D.Lgs. n. 165/2001 e s.m.i.;
l’art. 19 del D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i.;

RENDE NOTO
Che è indetta una selezione pubblica per il conferimento di un incarico a tempo pieno e determinato di Dirigente Tecnico del Settore Ambiente e Decoro Urbano, ai sensi dell’art. 110, comma 1, del D.lgs.n. 267/2000 e s.m.i..
Detto incarico riguarderà, conseguentemente, la direzione del Settore Ambiente e Decoro Urbano del Comune di Gela, così come da Organigramma dell’Ente, approvato con deliberazione di G.C. n. 69 del 29/03/2021 e modificato con deliberazione di G.C. n. 197 del 15/09/2021.

Requisiti di ammissione
1. Alla selezione possono partecipare i soggetti in possesso dei requisiti generali di seguito indicati, che devono essere posseduti alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di partecipazione e devono essere auto dichiarati ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000:

a) cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea; gli appartenenti a questi ultimi, ai sensi del D.P.C.M. n. 174/1994, potranno partecipare alla presente selezione purchè:
 godano dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza;
 siano in possesso, fatta eccezione per la titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica Italiana;
 abbiano adeguata conoscenza della lingua italiana, nell’applicazione scritta, parlata e letta.
b) idoneità fisica alle mansioni da ricoprire;
c) godimento dei diritti civili e politici;
d) di non essere stato destituito/a o dispensato/a dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, e di non essere stato/a dichiarato/a decaduto/a o licenziato/a da un impiego statale, ai sensi dell’art. 127, primo comma, lettera d) del Testo Unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, e ai sensi delle corrispondenti disposizioni di legge e dei contratti collettivi nazionali di lavoro relativi al personale dei vari comparti;
e) di non aver riportato condanne penali e di non essere stati interdetti o sottoposti a misure che escludono, secondo le leggi vigenti, dalla nomina agli impieghi presso la pubblica amministrazione;
g) possesso di:
Laurea Magistrale ex D.M. 270/2004 appartenente ad una delle seguenti classi: LM-3 Architettura del paesaggio, LM-4 Architettura e ingegneria edile-architettura, LM-23 Ingegneria civile, LM-24 Ingegneria dei sistemi edilizi, LM-26 Ingegneria della sicurezza, LM-35 Ingegneria per l’ambiente e il territorio, LM-48 Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale;
OPPURE
Laurea specialistica ex D.M. 509/1999 appartenente ad una delle seguenti classi: 3/S Architettura del paesaggio, 4/S Architettura e ingegneria edile, 28/S Ingegneria civile, 38/S Ingegneria per l’ambiente e il territorio, 54/S Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale;
OPPURE
Diploma di laurea conseguita secondo il vecchio ordinamento universitario ante D.M. 509/99 in Architettura o in Urbanistica o in Ingegneria edile-Architettura o in Ingegneria civile o in Ingegneria edile o in Ingegneria per l’ambiente e il territorio o in Pianificazione territoriale, urbanistica e ambientale e titoli equiparati ad una delle suddette classi del nuovo ordinamento ai sensi del D.M. 9 luglio 2009.
2. I titoli di studio richiesti devono essere rilasciati da Università o Istituti universitari Statali o legalmente riconosciuti. La validità dei titoli conseguiti presso uno stato dell’Unione Europea è subordinata al riconoscimento dell’equivalenza ai titoli italiani ai sensi dell’art. 38, c.3, del D.Lgs. n. 165/2001;

Ulteriori requisiti di ammissione:
E’ richiesto, inoltre, il possesso di uno dei seguenti ulteriori requisiti:
– avere svolto attività in organismi ed enti pubblici o privati ovvero aziende pubbliche o private con esperienza acquisita per almeno un quinquennio in funzioni dirigenziali;
– avere conseguito una particolare specializzazione professionale, culturale e scientifica desumibile dalla formazione universitaria e postuniversitaria, da pubblicazioni scientifiche e da concrete esperienze di lavoro maturate per almeno un quinquennio, anche presso amministrazioni pubbliche, ivi compreso il Comune di Gela, in posizioni funzionali previste per l’accesso alla dirigenza;
– provenienza dai settori della ricerca, della docenza universitaria, delle magistrature e dei ruoli degli
avvocati e procuratori dello Stato”.

L’accertamento del mancato possesso anche di uno solo dei predetti requisiti comporterà l’esclusione dalla procedura.

Modalità e termini di presentazione della domanda di partecipazione
1. La domanda di partecipazione alla procedura, debitamente sottoscritta dal candidato, redatta in carta semplice in conformità allo schema esemplificativo di cui all’allegato 1) al presente Avviso ed indirizzata al Dirigente del Settore Risorse Umane del Comune di Gela – P.za San Francesco, 1 – 93012 GELA – dovrà pervenire, a pena di esclusione dalla procedura, entro e non oltre quindici giorni decorrenti dalla data di pubblicazione del presente Avviso sul sito web istituzionale, sezione Albo Pretorio, del Comune di Gela, con una delle seguenti modalità:
a) a mano all’Ufficio Protocollo del Comune (orario: da lunedì a venerdì dalle 8:30 alle 13:00, il martedì e giovedì anche dalle 16:00 alle 17:30);
b) a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento; in tal caso la domanda dovrà essere materialmente acquisita, a pena di esclusione dalla procedura, dall’Ufficio Protocollo del Comune, entro la suddetta data di scadenza.
c) per i titolari di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata, tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) al seguente indirizzo: risorseumane@pec.comune.gela.cl.it improrogabilmente entro la data di scadenza prevista dal presente Avviso.
2. Il mancato rispetto dei termini sopra indicati comporterà l’esclusione dalla procedura selettiva. Si precisa che non sarà presa in esame nessuna domanda pervenuta oltre i termini sopra indicati.
3. Nelle ipotesi sub a) e b), sull’esterno della busta, deve essere riportata, oltre all’indicazione del proprio cognome, nome e indirizzo, la seguente dicitura: “Domanda di partecipazione alla selezione pubblica per il conferimento di un incarico a tempo pieno e determinato di Dirigente Tecnico del Settore Ambiente e Decoro Urbano, ai sensi dell’art. 110, comma 1, del D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i.”.

Contenuto della domanda
1. Gli aspiranti dovranno essere in possesso dei requisiti di ammissione di cui al presente Avviso e dovranno dichiararli nella domanda di partecipazione alla procedura sotto la propria personale responsabilità ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n°445/2000.
2. Nella domanda gli aspiranti, consapevoli che in caso di dichiarazioni false o mendaci verranno applicate le sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. 445/2000, devono, pertanto, dichiarare ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n°445/2000:
 le complete generalità, luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio e indirizzo al quale il candidato chiede che vengano trasmesse le comunicazioni, recapiti telefonici;
 di essere cittadino italiano o di uno degli stati dell’Unione Europea;
 di essere idoneo alle mansioni da ricoprire;
 di godere dei diritti civili e politici;
 il Comune nelle cui liste elettorali si è iscritti, ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste elettorali stesse;
 di non essere stato destituito/a o dispensato/a dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, e di non essere stato/a dichiarato/a decaduto/a o licenziato/a da un impiego statale, ai sensi dell’art. 127, primo comma, lettera d) del Testo Unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, e ai sensi delle corrispondenti disposizioni di legge e dei contratti collettivi nazionali di lavoro relativi al personale dei vari comparti;
 di non aver riportato condanne penali e di non essere stati interdetti o sottoposti a misure che escludono, secondo le leggi vigenti, dalla nomina agli impieghi presso la pubblica amministrazione;
 di non avere procedimenti penali pendenti di cui si è a conoscenza, (ovvero indicare gli eventuali carichi pendenti);
 di essere in possesso di uno dei titoli di studio previsti dal paragrafo rubricato alla voce “Requisiti di ammissione” del presente Avviso;
 di essere in possesso di uno dei requisiti di ammissione previsti dal paragrafo rubricato alla voce “Ulteriori requisiti di ammissione” del presente Avviso;
 di impegnarsi a comunicare tempestivamente per iscritto eventuali variazioni di indirizzo sollevando l’Amministrazione da ogni responsabilità in caso di irreperibilità del destinatario;
 di accettare, incondizionatamente, tutte le condizioni previste dall’Avviso e, in caso di assunzione, tutte le disposizioni che regolano lo stato giuridico ed economico dei dipendenti degli Enti Locali;
 di autorizzare il Comune di Gela, ai sensi del D.lgs. 30.06.2003, n. 196 e s.m.i., ad utilizzare i dati contenuti nella presente domanda esclusivamente ai fini della procedura selettiva ed in caso di conferimento dell’incarico dirigenziale ai fini della costituzione del rapporto di lavoro;
 di autorizzare, altresì, il Comune di Gela, ai sensi del D.lgs. 30.06.2003, n. 196 e s.m..i., alla pubblicazione, sull’Albo pretorio on-line e sul sito istituzionale dell’Ente, dei propri dati, negli elenchi che si renderanno necessari nell’ambito della procedura selettiva;
 di essere a conoscenza che tutti i dati e le informazioni relativi alla selezione di che trattasi, saranno pubblicati sul sito istituzionale dell’Ente, pertanto, con valore di notifica.
3. Si rammenta che le false dichiarazioni comportano l’applicazione di sanzioni penali.
4. La domanda, redatta in carta semplice, deve essere datata e firmata dal concorrente, a pena di esclusione dalla procedura. La firma non deve essere autenticata.
5. A corredo della domanda di ammissione gli aspiranti devono allegare:
a) curriculum vitae, regolarmente sottoscritto, che dovrà contenere tutte le indicazioni idonee a valutare le attività di studio e di lavoro del concorrente, attinenti all’incarico oggetto dell’Avviso, con l’esatta precisazione dei periodi ai quali si riferiscono le attività medesime, la loro natura ed ogni altro riferimento che l’aspirante ritenga utili rappresentare per la valutazione della sua attività. Alle dichiarazioni rese e sottoscritte nella suddetta domanda e al curriculum si riconosce valore di autocertificazione, con riserva del Comune di verificarne la veridicità.
b) fotocopia del documento di riconoscimento in corso di validità.
6. L’Amministrazione non assume alcuna responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendente da inesatte indicazioni del recapito da parte del concorrente oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o comunque imputabili a terzi, a caso fortuito o forza maggiore, né per la mancata restituzione dell’avviso di ricevimento. Il termine di presentazione delle domande, ove cada in giorno festivo, è prorogato di diritto al primo giorno seguente non festivo.

Modalità di selezione e criteri di valutazione
1. La valutazione sarà operata da apposita Commissione nominata con determinazione del Dirigente del Settore Risorse Umane secondo quanto previsto dall’art. 64 del Regolamento comunale per la disciplina dei concorsi e delle altre procedure di assunzione di personale, approvato con deliberazione di G.C. n. 329 del 18/12/2020 e modificato con deliberazioni di G.C. n. 30 del 09/02/2021, n. 233 dell’11/11/2021 e n. 37 del 03/03/2022.
2. La stessa provvederà a selezionare un nucleo ristretto di candidati che presenteranno i requisiti più adeguati al ruolo da ricoprire, in numero non superiore a cinque, da sottoporre alla scelta del Sindaco il quale, previo eventuale colloquio, individuerà, con propria motivata determinazione, sulla base delle competenze professionali in relazione al programma politico amministrativo, anche tenendo conto della esperienza maturata, il soggetto cui conferire l’incarico a seguito dell’espletamento della procedura selettiva. La valutazione operata ad esito della selezione condotta sarà intesa esclusivamente ad individuare la parte contraente legittimata alla stipulazione del contratto
individuale di lavoro subordinato a tempo determinato e, pertanto, non darà luogo alla formazione di alcuna graduatoria di merito comparativo.
3. Il Comune di Gela si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di sospendere o revocare il presente Avviso o di riaprire i termini per la presentazione delle domande di ammissione.
4. Il conferimento dell’incarico dirigenziale avverrà una volta sussistenti tutte le condizioni previste dalla legge ai fini dell’assunzione di personale.
5. Per quanto non previsto nel presente Avviso si applica l’art. 64 del “Regolamento comunale per la disciplina dei concorsi e delle altre procedure di assunzione di personale”, approvato con deliberazione della G.C. n. 329 del 18/12/2020 e modificato con deliberazioni di G.C. n. 30 del 09/02/2021, n. 233 dell’11/11/2021 e n. 37 del 03/03/2022.
6. Il presente Avviso sarà pubblicato sul sito web istituzionale del Comune, sezione Albo Pretorio, per trenta giorni consecutivi, nonché nella Sezione Amministrazione Trasparente/Bandi di Concorso.

Il Dirigente
Avv. Mario Picone

Leggi tutto

Cuccia rubata al tribunale, l’assessore Licata sporge denuncia e condanna il vile gesto

L’assessore alla tutela degli animali, Giuseppe Licata, si è recato questa mattina in Commissariato per sporgere formale denuncia in riferimento ai fatti della notte del 5 marzo, quando ignoti hanno rubato una delle cucce che l’amministrazione comunale aveva fatto realizzare per i cani di quartiere e che aveva sistemato nell’area antistante l’ingresso principale del tribunale di Gela.

“La città deve sapere che non siamo affatto rassegnati – afferma l’assessore Giuseppe Licata – e che questi gesti vigliacchi, ad opera di codardi, non ci fermeranno. Facendo realizzare le cucce, volevamo riaccendere i riflettori sulla tutela e sui diritti degli animali, e il fatto che tutta l’Italia ne abbia parlato ci rende più volenterosi e motivati di prima nel portare avanti iniziative di questo genere, insieme alle associazioni animaliste. L’obiettivo è quello di far crescere nei cittadini una maggiore sensibilità rispetto ai problemi dei nostri amici a quattro zampe. La cuccia rubata sarà sostituita, ma la speranza è che il balordo che ha messo a segno il colpo del secolo (perdonate l’amara ironia!) possa essere individuato, grazie alle telecamere di videosorveglianza. Come detto in più occasioni, la civiltà di una città si misura anche da come vengono trattati gli animali e il danno causato ad un cane o un gatto non è meno grave di quello nei confronti di un essere umano. Questa persona si deve solo vergognare”.

Leggi tutto

Lavori nelle strade: stamattina l’incontro tra Comune e gestori delle reti pubbliche

Si è tenuto questa mattina, nell’aula consiliare di Palazzo di Città, l’atteso incontro tra il Comune e i gestori dei sottoservizi di reti pubbliche Caltaqua, Open Fiber, Enel, Italgas e Tim. Al tavolo tecnico hanno preso parte anche Ghelas e Ati. In rappresentanza del Comune c’erano il Sindaco Lucio Greco, il Presidente del consiglio comunale Totò Sammito, gli assessori ai lavori pubblici, Romina Morselli, e alla viabilità, Giuseppe Licata, i tecnici del settore manutenzione urbana insieme a quelli che si occupano delle autorizzazioni degli scavi e i rappresentanti della commissione Affari Generali, impegnati in una revisione del regolamento sulla manomissione dei sedimi stradali.

In apertura, sono state esposte le numerose criticità riscontrate da amministratori e tecnici nel corso dei sopralluoghi condotti in tutta la città nelle ultime settimane. Criticità relative ai materiali utilizzati, molto scadenti e che stanno causando il moltiplicarsi di contenziosi, e a strade letteralmente devastate, come è emerso dagli incontri degli ultimi giorni con i comitati di quartiere. “L’amministrazione intende voltare pagina, ma senza incrinare i rapporti con le importanti società che gestiscono servizi di pubblica utilità. A lungo, abbiamo sperato – ha dichiarato l’assessore Morselli – che queste società, più volte richiamate, iniziassero ad adottare degli accorgimenti particolari nel sistemare la sede viaria dopo gli interventi, ma purtroppo non è avvenuto, e adesso che i lavori si stanno facendo sempre più numerosi vogliamo mettere un punto e gettare basi nuove”.

L’assessore Morselli ha reso noto di voler arricchire l’organico del settore Lavori Pubblici, inserendo una figura che si occupi solo del rapporto con i gestori e che monitori tutto scrupolosamente. “Purtroppo, – prosegue Morselli – questa mattina i gestori non ci hanno portato i loro cronoprogrammi degli interventi già eseguiti e di quelli futuri, per cui, nel giro di due settimane, li incontreremo singolarmente prima di riconvocarli tutti. Tutte le nuove richieste di autorizzazione saranno congelate finché non ci spiegheranno in che modo e con quali tempi intendono occuparsi dei ripristini definitivi. Non vogliamo arrivare al punto di ricorrere ad una applicazione rigida del regolamento e di chiedere indennizzi per le strade deturpate, ma loro ci devono venire incontro: stop ad interventi a macchia di leopardo, stop ad attese infinite tra l’intervento provvisorio e quello definitivo, stop all’uso di materiale irregolare. Ora si cambia registro, pretenderemo il deposito della cauzione e riparazioni a regola d’arte. Senza di questo, stop a nuovi lavori”.

Leggi tutto

Svuota cantine, riempiti 8 scarrabili. Greco e Malluzzo: “Vogliamo renderlo un appuntamento mensile”

Anche in questa prima domenica del mese i cittadini gelesi hanno risposto molto bene all’invito dell’amministrazione comunale e si sono messi in fila, diligentemente, in attesa del proprio turno per scaricare i rifiuti ingombranti. Cancelli aperti, come sempre, dalle 7 alle 12 per questo nuovo svuota cantine organizzato insieme a Tekra al terminal bus di contrada Brucazzi. Sul posto, per verificare che tutto si svolgesse correttamente e senza problemi, il Sindaco Lucio Greco e l’assessore all’ambiente Cristian Malluzzo, oltre ad alcuni funzionari del medesimo settore e alla Polizia Municipale.

“Rispetto al mese di febbraio, – rendono noto il Sindaco Greco e l’assessore Malluzzo – abbiamo registrato una partecipazione ancora maggiore, segno che la cittadinanza apprezza questo genere di iniziative. Abbiamo riempito 8 scarrabili e, a differenza del mese scorso, abbiamo dato modo di conferire anche materiale che prima non rientrava nella lista di quelli accettati, come vecchi sanitari o fusti di idropitture. Ringraziamo tutti per la pazienza e la collaborazione, è nostra intenzione riproporre lo svuota cantine ogni prima domenica del mese e, nel contempo, migliorare la logistica di contrada Brucazzi, per velocizzare e facilitare le operazioni. Naturalmente, però, non dimentichiamo il servizio a domicilio, che resta fondamentale e che ci impegneremo a perfezionare, accorciando i tempi che intercorrono tra la chiamata e il ritiro degli ingombranti. Purtroppo, i problemi che nelle ultime settimane si sono registrati nell’impianto della Omnia di Licata, non imputabili a questa amministrazione, non ci hanno aiutato. Ma siamo qui in cerca di soluzioni, e, nel frattempo, andiamo incontro ai cittadini con appuntamenti come quello di oggi. Un messaggio, in chiusura, lo vogliamo lanciare ancora una volta a chi si ostina a fare orecchie da mercante e ad abbandonare i rifiuti per strada e nelle campagne. Stiamo mettendo a disposizione della collettività ogni servizio utile a rendere agevole la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, ogni mese diamo modo di conferire gli ingombranti, perchè sporcare la città a tutti i costi rischiando anche pesanti multe? Purtroppo, – concludono gli amministratori – ci rendiamo conto che è un deprecabile comportamento profondamente radicato nella cultura di questi soggetti, un malcostume di pochi che, col tempo, con le telecamere, le sanzioni e le denunce, intendiamo debellare del tutto”.

Leggi tutto

Amministrazione al lavoro per salvare il progetto dell’asilo nido comunale Albinoni

Assessorati allo Sviluppo Economico e ai Lavori Pubblici insieme per salvare il progetto dell’asilo nido comunale Albinoni, che, nei giorni scorsi, è stato candidato grazie ad un bando del Miur e si attende ora di sapere se entrerà in graduatoria, probabilmente i primi di maggio.

Il progetto, già esecutivo e dell’ammontare di 1.100.000,00 euro, è uno di quelli definanziati con il Patto per il Sud che l’amministrazione comunale sta ora cercando di recuperare grazie a nuovi canali. Nello specifico, la linea di finanziamento individuata è quella del PNRR Miur per i nuovi edifici scolastici. Il progetto porta la firma del dirigente, ing. Tonino Collura, e del RUP, geometra Luigi Buttiglieri.

“Era un progetto pronto, che giaceva nei cassetti in attesa del momento giusto per poterlo rifinanziare. Non appena c’è stata l’opportunità, dunque, – affermano gli assessori Terenziano Di Stefano e Romina Morselli – lo abbiamo preso e ricandidato, e speriamo che possa andare in porto, per colmare una delle gravi lacune di cui soffre la nostra città, ossia l’assenza di asili nido comunali. Aspettiamo la graduatoria fiduciosi e consapevoli di aver fatto quanto in nostro potere. Non potevamo perdere questa preziosa occasione, ogni giorno controlliamo i bandi in cerca di quelli perfetti per noi. L’attenzione dell’amministrazione da questo punto di vista è massima. Stiamo letteralmente “aggredendo” ogni bando del PNRR, non a caso siamo l’unico in comune in Sicilia ad avere già ottenuto quasi 50 milioni, e siamo in attesa di ulteriori risposte”.

“Vale la pena far notare – aggiunge l’assessore Morselli – che questo bando del Miur risale a dicembre, ed era in scadenza a febbraio. Purtroppo, mi sono insediata quasi al limite, con qualche settimana di anticipo probabilmente avrei potuto fare di più. Nonostante ciò, superate le numerose emergenze di queste prime settimane, è mia intenzione impegnarmi per intercettare nuovi finanziamenti. Questo siamo riusciti a salvarlo in extremis, grazie anche alle pressioni del Sindaco, molto attento a tutto quello che riguarda la sfera dell’istruzione”.

Leggi tutto

L’assessore Romina Morselli fa chiarezza sull’iter del progetto “Una via tre piazze”

L’assessore ai Lavori Pubblici, Romina Morselli, intende fare chiarezza in merito al progetto “Una via tre piazze”, dopo la notizia delle ultime ore secondo cui, stando a fonti palermitane, il progetto sarebbe già esecutivo. “La notizia non è corretta – esordisce Morselli – la linea di finanziamento è stata già individuata ed è il fondo FSC, ma mancano tutta una serie di passaggi che, per amore della verità, andrò ora ad elencare. Questo progetto, finanziato con i fondi del Patto per il Sud, due anni fa è stato definanziato, perché mancavano diversi passaggi burocratici e tecnici. L’anno scorso, l’amministrazione ha avviato un tentativo di recupero, che, nelle ultime settimane si è intensificato. C’è stato un confronto quotidiano tra Regione, Sindaco, assessore al ramo, dirigente Collura, rup e tecnici per accelerare e ottenere tutti i pareri necessari per non perderlo definitivamente. Negli ultimi giorni, siamo riusciti ad avere il parere urbanistico e sanitario, quello del Genio Civile, quello di Caltaqua, e l’ultimo, il più delicato, quello della Soprintendenza. E’ stata una corsa contro il tempo, e ieri è stato sottoscritto da tutti i soggetti coinvolti il verbale di verifica tecnica. Pertanto, siamo nella fase in cui possiamo solo aspettare la validazione del progetto da parte del Genio Civile, cosa che nelle prossime ore solleciteremo. Se tutto dovesse andare bene, lo step successivo sarà l’approvazione del progetto in giunta, per poi portare il fascicolo al dipartimento regionale per le infrastrutture. Solo allora gli uffici palermitani saranno chiamati in causa, ma fino ad ora, tutto il lavoro è stato fatto a Gela e un plauso, anzi, va proprio ai nostri tecnici”.

L’assessore Morselli sottolinea di non volere scontri con nessuno, men che meno con i consiglieri di maggioranza, e lancia un appello affinchè ci sia un maggiore dialogo e ci si informi bene sullo stato dei progetti e dei finanziamenti per evitare fughe in avanti. “La mia porta è sempre aperta per chiunque voglia chiarimenti su quello che è stato fatto e su quello che abbiamo intenzione di fare in futuro, – prosegue – ma basta con la corsa alle notizie: queste sono cose delicate che meritano rispetto. Ci sono tanti altri progetti che speriamo di salvare, e i consiglieri potrebbero, semmai, informarsi su di essi e aiutarci facendosi mediatori con Palermo. So che remiamo tutti nella stessa direzione e sono fiduciosa per “Una via tre piazze”, ma resta il fatto che a dare la notizia del progetto cantierabile, quando realmente ci sarà, dovranno essere il Sindaco, l’assessore competente e il dirigente del settore che ha seguito l’iter. Annunci di tale portata non spettano ai consiglieri comunali” conclude l’assessore Morselli.

Leggi tutto

Violata l’ordinanza contro il volantinaggio abusivo, scattano le prime multe

E’ di qualche giorno fa l’ordinanza del Sindaco Lucio Greco per contrastare il volantinaggio selvaggio e abusivo, e ieri sono iniziati i controlli della Polizia Municipale e sono state elevate le prime multe ai trasgressori. 4 le attività commerciali sanzionate, ieri nella zona dello stadio e oggi nei pressi di via Ermocrate. I controlli continueranno in maniera serrata nei prossimi giorni.

“Ringrazio i cittadini che stanno collaborando e segnalando casi limite sui quali siamo prontamente intervenuti. Pubblicità si, ci mancherebbe altro, ma riempire i portoni delle abitazioni, i pali della pubblica illuminazione, i muri, i parabrezza e i lunotti degli autoveicoli in sosta, gli alberi e le strade di volantini è una pratica non solo fastidiosa ma che finisce anche col creare seri problemi di pulizia. In alcuni casi, addirittura, abbiamo trovato dei tombini otturati da montagne di carta abbandonata lungo le vie e portata via dalle piogge. I volantini, di qualunque natura siano, devono essere distribuiti in maniera parsimoniosa e affissi solo negli spazi consentiti dalla legge. Anche in questo modo, proviamo a ripristinare il decoro urbano e a rendere la città più vivibile” ha dichiarato l’assessore all’ambiente Cristian Malluzzo.

Ricordiamo che è vietato anche distribuire manifesti, opuscoli, avvisi, volantini o altro materiale a contenuto pubblicitario ai conducenti e/o ai passeggeri di autoveicoli durante la loro circolazione e in prossimità di incroci e/o rotatorie stradali, e che, in caso in trasgressione, le sanzioni pecuniarie vanno da un minimo di 100,00 ad un massimo di 600,00 euro.

Leggi tutto

Nasce il coordinamento di difesa del settore agroalimentare, Gela al fianco dei produttori

Parte da Vittoria, città strategicamente posta al centro della fascia trasformata che va da Pachino ad Agrigento e nella quale si trova il mercato ortofrutticolo più grande del sud Italia, l’idea di dar vita ad un coordinamento territoriale di difesa delle produzioni e del lavoro del settore agroalimentare nelle zone trasformate. Il Sindaco Francesco Aiello chiama a raccolta sindaci e assessori, e Gela risponde presente. L’assessore Giuseppe Licata ha portato ieri i saluti del Primo Cittadino Lucio Greco all’incontro organizzato da alcuni imprenditori per cominciare a parlare dell’ambizioso progetto di unificazione della filiera agroalimentare. C’è un forte bisogno di unità, dopo anni di divisioni, e la compattezza delle istituzioni territoriali è fondamentale per affrontare, in sintonia con il mondo delle imprese, le problematiche economiche e sociali che, in maniera anche aspra, affliggono la Sicilia orientale.

“Lo sciopero degli autotrasportatori – dichiara l’assessore Licata – ha causato danni molto gravi ad un settore che da anni è in forte crisi, e che non può permettersi neanche pause o rallentamenti. Il comitato che sta per nascere non sarà politico, ma vede nelle istituzioni l’unico valido punto di riferimento per portare sui tavoli regionali e ministeriali le istanze dei produttori. Gli imprenditori stanno chiedendo ai Sindaci, unico riferimento del settore agricolo, di fungere da intermediari, con serietà e senso di responsabilità, e noi non intendiamo tirarci indietro di fronte a questo accorato appello, che, anzi, facciamo nostro. Gela sta vivendo una fase di deindustrializzazione, e l’agricoltura è il settore vitale verso il quale stanno virando le nostre giovani generazioni. Noi vogliamo essere vicini in ogni modo al comparto agricolo, reduce da decenni di crisi disastrosa e che ora potrebbe avere gravi conseguenze pure dalla guerra in Ucraina, dato l’elevato costo dell’energia. Questo è il momento di fare rete e fissare obiettivi ben precisi sui quali alzare l’attenzione a livello regionale e nazionale. Stiamo parlando del settore più importante della nostra economia, e Gela vuole essere in prima fila per risollevarlo. Il prossimo appuntamento sarà l’11 maggio, e anche in quell’occasione – conclude Licata – assicuriamo sin da ora la nostra presenza”.

Leggi tutto

Rete territoriale per la protezione e l’inclusione sociale: ecco l’avviso. Domande entro il 15 marzo

Il Comune di Gela, in qualità di comune capofila del distretto socio-sanitario 9, rende noto che sono state avviate le procedure per la costituzione della rete territoriale per la protezione e l’inclusione sociale, come previsto dalla convenzione firmata il 25 gennaio scorso dai Sindaci di Gela, Niscemi, Mazzarino e Butera. La convenzione è finalizzata alla gestione, in forma associata, dei servizi e degli interventi sociali e socio-sanitari del distretto, e la rete servirà alla concertazione territoriale degli interventi sostenuti a valere sul Fondo Nazionale Politiche Sociali (FNPS), Fondo Nazionale per la Non autosufficienza (FNA), Fondo del “Dopo di Noi”, Quota Servizi Fondo Povertà (QSFP), PON Inclusione e altri fondi comunitari, nazionali, regionali, comunali e privati che concorrono a definire e potenziare il sistema locale delle politiche sociali. Il relativo avviso per la manifestazione di interesse, che scadrà il 15 marzo 2022, è rivolto ad enti del Terzo Settore di secondo e terzo livello (associazione di associazioni, centrali cooperative , etc.), enti e associazioni in rappresentanza dei beneficiari degli interventi e dei servizi sociali che non gestiscono servizi per conto della Pubblica Amministrazione.

La rete territoriale per la protezione e inclusione sociale deve essere composta dai referenti dei Comuni del Distretto Socio-Sanitario e dell’ASP, dagli enti e dalle associazioni in rappresentanza dei beneficiari degli interventi e dei servizi sociali oltre che da rappresentanti del Terzo Settore, delle associazioni di categoria, professionali e del mondo della cooperazione, delle Organizzazioni Sindacali, degli organismi della formazione professionale, dei Centri Provinciali per l’Istruzione Adulti (CPIA), dell’Ufficio Scolastico Provinciale, dell’Osservatorio sulla Dispersione Scolastica, dell’Ufficio Servizio Sociale Minorile (USSM), dell’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna (U.E.P.E.), dei Centri per l’Impiego (CPI), Università e Centri di ricerca. I soggetti interessati devono far pervenire apposita istanza, come detto, entro il 15 marzo, utilizzando il modulo scaricabile dal sito del Comune (modello di istanza manifestazione di interesse) e inviandolo, dopo averlo compilato, al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: servizisociali@pec.comune.gela.cl.it. Alla domandina dovrà essere allegata la copia di un documento di identità del sottoscrittore in corso di validità. Il presente Avviso, unitamente al modello di domanda, è pubblicato sull’Albo Pretorio on line del Comune di Gela. Per informazioni e chiarimenti è possibile contattare il numero 0933 906745.

“In questa fase, è essenziale rafforzare l’organizzazione del sistema dei servizi sociali e migliorare la cooperazione tra i comuni del distretto sul piano tecnico, amministrativo e gestionale, ed è proprio uno degli obiettivi per i quali intendo lavorare. La definizione del nuovo assetto di governance non è più differibile, e la convenzione costituisce un modello imprescindibile per poter accedere alle risorse del Fondo Nazionale per le Politiche Sociali. Pertanto, invito tutti gli enti e le associazioni che abbiano i requisiti richiesti a partecipare, per poter concertare insieme tutte le decisioni più importanti da prendere” commenta l’assessore Nadia Gnoffo.

 

modello di istanza manifestazione di interesse

Leggi tutto