Aperti al pubblico: Lun | Mer | Ven 8.30 - 13 - Mar | Gio 8.30 - 17.30

0933 906111

Al via i lavori per la rete idrica di Manfria. Greco: “Ora pensiamo anche alla rete fognaria”

Partiranno entro la fine del mese i lavori di realizzazione della rete idrica di Manfria. I particolari sono stati illustrati questa mattina al Comune in conferenza stampa dal sindaco Lucio Greco, dall’assessore ai lavori pubblici Romina Morselli, dai vertici di Caltaqua, dal direttore generale di Ati Antonino Collura. “Sono in corso gli ultimi adempimenti, ma è tutto pronto per l’avvio dei lavori che permetteranno di risolvere problemi annosi della frazione di Manfria, che copre un’area molto vasta in cui i gelesi ormai vivono tutto l’anno, non solo in estate” ha esordito il sindaco, che ha poi snocciolato alcuni numeri.

La durata massima degli interventi è di 17 mesi, l’importo complessivo ammonta a 2 milioni 300mila euro e la rete si estenderà per circa 15 km, andando a sopperire alle esigenze di 550 utenti. “La comunità attende questi lavori da troppo tempo, – ha aggiunto il Primo Cittadino – e in questi anni la nostra attività è stata finalizzata alla progettazione definitiva e all’individuazione dei finanziamenti, in collaborazione con Regione e Caltaqua. Contiamo così di garantire un servizio fondamentale a residenti e turisti, in attesa di sbloccare anche il progetto della rete fognaria. Anche su questo stiamo lavorando senza sosta, e il progetto esecutivo dovrebbe vedere la luce, anche questo, entro novembre. Quindi cercheremo i finanziamenti. Vogliamo dare alla città due servizi primari, e faremo il possibile per riuscirci”.

Nel frattempo, l’amministrazione comunale si sta adoperando pure per il raddoppio del depuratore di Macchitella, al fine di migliorare la vivibilità del quartiere e permettere il trattamento di acque reflue e piovane. E’ stato già finanziato il progetto del sistema di sollevamento che consentirà il convogliamento dei reflui verso il depuratore di Macchitella, che attende però gli interventi di potenziamento da parte di Caltaqua. “Siamo alla fine del 2022, e non è possibile che Gela non usufruisca ancora di servizi essenziali per ogni città. Noi vogliamo dare risposte, fatti e risultati” ha concluso Greco.

Leggi tutto
Highschool,Student,Buying,Drugs,From,Local,Dealer,On,School,Grounds,

La Polizia Municipale va nelle scuole per sensibilizzare contro l’uso di droghe

La Polizia Municipale torna a scuola. Dopo il successo dell’iniziativa dello scorso anno, finalizzata all’educazione stradale, grazie ad un nuovo progetto (al quale il Comune ha partecipato con il tramite della Prefettura) 15 Vigili Urbani incontreranno gli alunni delle medie inferiori e superiori della città, per sensibilizzarli contro l’utilizzo di sostanze stupefacenti. Si comincia mercoledì 16 novembre con le scuole medie inferiori, e dall’istituto Verga nello specifico; dopo le festività natalizie si proseguirà con gli istituti superiori.

“I dati, purtroppo, ci dicono che i giovani fanno un notevole uso di droghe, con tutte le drammatiche conseguenze del caso. Da qui l’esigenza di intervenire e di seminare, per arrivare a quei piccoli numeri che però sono capaci di fare la differenza. La Polizia Municipale, grazie a questo progetto finanziato con fondi del Ministero degli Interni, parlerà coi nostri ragazzi e proietterà anche dei video, per informare e far capire che non si deve in alcun modo gettare via la propria vita. Il riferimento, in particolare, è ai recenti i fatti di cronaca che hanno visto protagonisti dei giovani, i quali, sotto gli effetti di sostanze stupefacenti, sono stati artefici di incidenti stradali, anche mortali. Ecco, quindi, l’esigenza di promuovere, di contro, la cultura della Vita” ha dichiarato l’assessore alla Polizia Municipale Giuseppe Licata.

Leggi tutto

Domenica 13 novembre alle ore 9.30 la Maratonina Gela, giunta all’8^ edizione

Domenica 13 novembre alle ore 9.30 torna l’appuntamento con la Maratonina Gela, giunta all’8^ edizione. 500 gli atleti che arriveranno da tutta Italia per gareggiare sul circuito da oltre 21 km che, partendo dal Piazzale Suor Teresa Valsè, a Macchitella, arriverà fino al fiume Gela. I corridori torneranno quindi al punto di partenza.
E’ una manifestazione sportiva che negli anni ha saputo crescere e ritagliarsi la sua fetta di appassionati, e ieri pomeriggio è stata presentata al Comune in conferenza stampa alla presenza del sindaco Lucio Greco e dell’assessore Terenziano Di Stefano. Ad illustrare i dettagli è stato il Presidente dell’Atletica Gela Salvatore Iovino. La Maratonina Gela sarà valida anche come 7^ prova grand prix regionale e 3^ Trofeo Aisa – 10.500 metri, ossia la mezza maratona. La kermesse sarà anche un memorial per ricordare Aurelia Triberio e Nunzio Cavaleri.

“Siamo felici di ospitare, anche quest’anno, i numerosi runners che stanno letteralmente accorrendo nella nostra città per questo evento che, anno dopo anno, si sta rivelando vincente, entusiasmante ed allettante. Ci siamo finalmente lasciati alle spalle l’emergenza Covid, che fino all’edizione 2021 ha molto limitato la kermesse sportiva, che torna ora alla normalità, con il suo carico di valori improntati al fair play, alla socialità e al non lasciare nessuno indietro. Non a caso, la competizione sportiva è aperta a tutti. Tutti uguali: l’atleta 18enne come quello 85enne (è questa, infatti, l’età del runner più anziano di quest’anno) i normodotati e i diversamente abili. Nel nome dello sport, del divertimento e delle sane passioni. Il comune di Gela è lieto di patrocinare, come sempre, l’iniziativa e farà la sua parte affinchè tutto possa svolgersi al meglio ed in tutta sicurezza. Grazie a quanti si stanno spendendo a livello organizzativo. Il loro è un lavoro immane, e merita di essere ricordato” il commento degli amministratori.

Leggi tutto

La mostra sul mito di Ulisse prosegue fino al 15 gennaio. Il sindaco Greco ringrazia e invita Schifani

Temporaneamente chiusa, per riorganizzare l’allestimento e trasferire i reperti che devono ritornare ai musei di origine, la mostra “Ulisse in Sicilia, i luoghi del Mito”, nel nuovo padiglione realizzato nel sito di Bosco Littorio all’interno del Parco Archeologico di Gela, riapre al pubblico fino al 15 gennaio con interessanti e inediti reperti. Inaugurata lo scorso 22 luglio, l’esposizione ha accolto oltre 45 mila visitatori. Il nuovo allestimento, sollecitato dal grande successo di presenze registrate in appena tre mesi, risponde all’esigenza di soddisfare la curiosità dei tanti turisti e delle scolaresche attratte dalla nave più antica del mondo e dal fascino del mito di Ulisse.

“La mostra sul mito di Ulisse con i resti della nave greca andrà avanti. Gli appelli del sottoscritto, – afferma il sindaco Lucio Greco – e di quanti si sono spesi e hanno preso posizione pubblicamente contro la chiusura definitiva dell’evento, il 30 ottobre scorso, hanno sortito l’effetto sperato e il presidente della Regione, Renato Schifani, ha accolto le sollecitazioni che si sono alzate da un intero territorio. Un territorio che sta finalmente prendendo consapevolezza di se stesso, e sta imparando a vedersi sotto una nuova luce e con una nuova veste: quella di città a vocazione turistica e culturale. E io non posso che esserne fiero. In ogni caso, il nostro obiettivo rimane quello di mantenere in vita la mostra fino a quando il museo della Nave non sarà pronto. Anche per questo ho intenzione di spendermi, in sinergia con la Soprintendenza e il Parco Archeologico. Ringrazio il presidente Renato Schifani – ha concluso Greco – e lo invito a tornare presto nella nostra città”.

Leggi tutto

“I Luoghi della Memoria”: Gela tra i 5 comuni che hanno firmato l’adesione al WRAP

Nuovo passo in avanti nell’ambito dell’ambizioso progetto internazionale per la realizzazione e la promozione dei “Luoghi della Memoria”, ideato dal gruppo archeologico Geloi, dall’associazione culturale Lamba Doria e dall’istituto del Nastro Azzurro – Federazione di Caltanissetta. L’8 novembre è stato siglato il protocollo d’intesa tra il Forum Internazionale “Pace, Sicurezza & Prosperità” (IFPSP) con sede in Canada, il 3rd Battery of Montreal Artillery, sempre con sede in Canada, e i 5 comuni che lo scorso 25 ottobre hanno sottoscritto l’adesione al WRAP (acronimo che indica il percorso attraverso i Luoghi della Memoria): Gela, Butera, Licata, Mazzarino e Niscemi. In rappresentanza del comune di Gela c’era l’assessore Ivan Liardi.

Attraverso questo protocollo, i firmatari si impegnano a partecipare attivamente alla promozione del percorso congiunto, a coinvolgere istituzioni e partner regionali, nazionali e internazionali e ad avviare attività di mutua promozione, il tutto entro luglio 2023, quando sono in programma le celebrazioni in occasione dell’80° anniversario dell’Operazione Husky e dello sbarco delle forze alleate lungo le coste gelesi. Dopo la visita del Gen. Maurizio Scardino a Gela, il 5 ottobre scorso, la macchina organizzativa ha accelerato al fine di creare la rete dei sindaci. Alla guida c’era Michele Curto, presidente del gruppo archeologico Geloi, che, a seguito della firma della convenzione, è stato nominato portavoce unico dei 5 comuni presso il comando militare dell’Esercito.

“Gli organismi internazionali coinvolti nell’iniziativa, e che hanno come mission pace, sicurezza e prosperità, – spiega il sindaco Lucio Greco – operano in sinergia con Onu e Nato, pertanto si intuisce che stiamo parlando di un evento di caratura mondiale. Del resto, l’obiettivo è duplice ed importantissimo: ricordare il sacrificio di chi ha perso la vita nella campagna militare del 1943, facendo in modo che un tale orrore non si ripeta mai più, e promuovere i territori. Gela è in prima linea, e lo sarà ancora di più in occasione del Forum Internazionale per la pace promosso dall’IFPSP ed in programma a Piazza Armerina nel marzo 2023. Sarà una vetrina internazionale, con ospiti in presenza ed in videocollegamento da tutto il mondo, ed in quell’occasione avremo modo anche di promuovere i nostri personali luoghi della memoria, che a breve saranno sei e che saranno collegati a tutti gli altri che stanno nascendo”.

“Tra l’altro, – aggiunge l’assessore Liardi – anche altre province siciliane, come Agrigento e Siracusa, hanno già fatto sapere di essere interessate all’iniziativa. Per cui, l’ottimo lavoro del dr. Curto nel giro di pochi anni potrebbe veramente collegare buona parte della Sicilia, nel solco della memoria e della storia. C’è poi la finalità turistico – promozionale, che non è meno importante di quella culturale. Alcune agenzie turistiche e l’Università di Palermo hanno già fatto sapere di essere interessate, quindi per Gela si prefigura anche una ricaduta economica. Tocca a noi amministratori ora darci da fare per nominare degli storici di riferimento e fare in modo che tutti i percorsi abbiano caratteristiche simili”.

Leggi tutto

Accordi Quadro: tra 10 giorni tutti i cantieri saranno operativi, per strade e scuole

Una settimana, 10 giorni al massimo, poi apriranno i cantieri che permetteranno di sistemare alcune arterie stradali e alcune scuole nell’ambito dei due Accordi Quadro 2022.

Venerdì sono stati consegnati i verbali alla ditta che si occuperà della sistemazione delle strade, ossia la NT Costruzioni SRL di Terme Vigliatore, e oggi lo stesso passaggio è stato effettuato con la ditta San Pio Restauri di Favara che, con un importo contrattuale € 574.449,22, si è aggiudicata i lavori nei plessi scolastici. Per quanto riguarda la manutenzione delle strade è stata conclusa anche la fase dei sopralluoghi, ed è stata stilata una prima bozza di elenco (redatta dal Rup, geom. Rosario Catania, e dal direttore dei lavori, geom. Massimo Collodoro) con i nomi delle arterie che necessitano di maggiore cura e di interventi prioritari, perché per troppi anni sono state trascurate e versano in condizioni disastrose, con buche profonde e qualità dell’asfalto pessima.

Sopralluoghi anche in alcune scuole, quelle le cui condizioni strutturali preoccupano di più gli amministratori e per i quali gli interventi non sono più differibili. “Chiusa questa fase, resta da organizzare i cantieri – fanno sapere il sindaco Lucio Greco e l’assessore ai Lavori Pubblici Romina Morselli – e poiché come amministrazione vogliamo seguire tutto passo dopo passo ed essere costantemente aggiornati, abbiamo chiesto alle aziende di presentare un report settimanale di avanzamento dei lavori. Abbiamo voluto inserire in elenco non solo le arterie principali e più trafficate, ma in generale quelle che versano nelle condizioni peggiori, i tratti critici, quelli su cui si sono registrati diversi contenziosi e che da anni non vengono sottoposti a manutenzione. Si andrà dalla zona di Cantina Sociale, a quella dell’Ara Pacis, da San Giacomo ad alcuni tratti di via Venezia, via Ettore Romagnoli, via Butera, via Fratelli Bandiera e via Risorgimento, la zona del museo e molte altre. Lo stesso dicasi per le scuole. Non appena inizieranno i lavori, incardineremo la procedura per l’Accordo Quadro del 2023, e sarà creato un nuovo elenco con altre vie e altre scuole”.

Leggi tutto

Il sindaco Greco a confronto con i vertici di Eni. Obiettivo: tutelare aziende e lavoratori

Confronto con i vertici di Eni, questa mattina al Comune, per il Sindaco Lucio Greco, che ha convocato l’incontro per approfondire alcuni aspetti della collaborazione tra la società e l’amministrazione comunale, partendo dai protocolli siglati nel 2012 e nel 2014. Non tutti i passaggi di quei documenti sono stati effettuati e rispettati, e ora il Primo Cittadino vuole accelerare e richiedere la massima attenzione, nell’interesse delle imprese locali e dei lavoratori dell’indotto. “Con i due protocolli in questione, – spiega Greco – si stabilivano obiettivi comuni pubblico-privato. In particolare, il secondo apre l’era della riconversione del modello industriale di Eni, puntando ad iniziative volte a garantire livello occupazionali coerenti con il processo di riconversione e creando i presupposti per una ripresa duratura delle attività economiche nell’area di Gela, anche attraverso la valorizzazione dei contributi delle attività imprenditoriali dell’indotto. Un esempio su tutti: la modalità di approvvigionamento doveva essere finalizzata ad agevolare la partecipazione alle gare delle aziende locali, con conseguente salvaguardia dei posti di lavoro. Questo, però, non è stato fatto perché gli uffici di approvvigionamento sono stati trasferiti a Roma, rendendo impossibile una governance locale. Oggi ho chiesto ai vertici di Eni di ripensare a questo modus operandi e ad eliminare le distanze tra il territorio, che ha dato e continua a dare veramente tanto, ed il gruppo. Da parte loro ho trovato massima disponibilità ed apertura”.

Stessa sintonia sugli altri temi sul tavolo: la possibilità di replicare a Gela il “Modello Basilicata”, non appena Argo Cassiopea diventerà operativa e produttiva, permettendo al Comune di incassare le royalties e per i cittadini l’abbattimento delle bollette; lo snellimento delle procedure per realizzare i progetti comunali finalizzati al rilancio turistico e culturale del territorio; la partecipazione attiva di Eni alle celebrazioni in occasione dell’80esimo anniversario dello sbarco degli alleati sulle coste gelesi. “Oltre a questo, ho evidenziato l’importanza di monitorare e accelerare gli iter per la corposa progettualità in corso: quella industriale legata all’idrogeno e al Biojet, e quella culturale con Sinapsi e Macchitella Lab, in sinergia con la Kore di Enna. C’è davvero tante che bolle in pentola, la collaborazione è totale e ci siamo lasciati con l’impegno reciproco di concretizzare tutto al più presto” ha concluso Greco.

 

Leggi tutto

Sanità: sindaci della provincia a confronto. Greco punta i riflettori sul Vittorio Emanuele

I problemi della sanità nissena, e gelese nello specifico, sono stati questa mattina al centro della conferenza dei sindaci, che si è svolta in modalità remota. Numerosi i punti trattati, e il sindaco Lucio Greco ha puntato i riflettori sulle carenze e i problemi dell’ospedale Vittorio Emanuele. “Il direttore generale, ing. Alessandro Caltagirone, ci dovrà incontrare e ascoltare, perché le nostre istanze sono quelle di un intero territorio che non ce la fa più e che reclama servizi che gli spettano di diritto” ha dichiarato.

Tra i punti all’ordine del giorno i concorsi per rimpinguare la pianta organica al Vittorio Emanuele (dall’ASP hanno fatto sapere che si stanno sorteggiando i componenti delle commissioni) e il funzionamento del reparto di Malattie infettive, per il quale l’Azienda Sanitaria sembra intenzionata a far ruotare il personale a livello provinciale, per riempire i vuoti di organico. Riflettori puntati anche sull’ultima emergenza in ordine di tempo: la paventata chiusura della Neurologia. “Il reparto continuerà a funzionare almeno fino a febbraio 2023, con la presenza della dr.ssa Verniccio – assicura Greco – e sarà ulteriormente rafforzato grazie alla convenzione con la clinica Santa Barbara, che metterà a disposizione i suoi 8 posti letto. In questo lasso di tempo, siamo chiamati a lavorare in sinergia per trovare una soluzione definitiva. Quello che, comunque, è emerso da questa video call è che non c’è un solo Comune in tutta la provincia che non lamenti e non denunci carenze e problemi, a cominciare dal servizio di prenotazione delle visite mediche, che è all’anno zero”.

La disamina del Primo Cittadino sul nosocomio gelese ha fatto riferimento anche alla Psichiatria, chiusa dal 2020, all’Urologia, all’Emodinamica e all’Ortopedia, ridotte ai minimi termini, all’Otorinolaringoiatria, che è ormai meno di un ambulatorio, per non parlare della drammatica situazione del Pronto Soccorso, dove operano solamente 4 medici e fanno i salti mortali per coprire tutti i turni. “Il Pronto Soccorso è una specie di front office, il primo servizio che viene offerto a chi è costretto a ricorrere alle cure, e lascia davvero molto a desiderare. Inoltre, ancora aspettiamo notizie certe sul Pronto Soccorso Infettivologico, che ci permetterebbe anche di avere a disposizione locali più ampi, dignitosi e confortevoli per l’astanteria. Insomma, le richieste sono tante, ogni territorio ha le sue e chiediamo all’ASP di intervenire con assoluta tempestività”. Al termine della riunione, è stato stabilito di incontrare tutti insieme l’ing. Caltagirone il 16 novembre alle ore 10.30 al Comune di Gela, alla presenza di deputati e rappresentanti sindacali.

 

 

Leggi tutto

La sanità gelese preoccupa il Sindaco Lucio Greco, che convocherà i vertici dell’ASP

Il sindaco Lucio Greco si dice molto preoccupato per la situazione in cui versa la sanità in provincia, con particolare riferimento al territorio gelese e all’ospedale Vittorio Emanuele, soprattutto alla luce della notizia del paventato spostamento dell’unico neurologo, cosa che rischia di rappresentare la fine del reparto di neurologia.

“Mi auguro che le cose stiano diversamente da come le ho lette negli ultimi giorni, – afferma – e per questo intendo convocare al più presto un incontro con i vertici dell’ASP, i parlamentari, i sindacati e tutte le istituzioni preposte, al fine di verificare lo stato di salute del nostro nosocomio, che va valorizzato e tutelato, di certo non depauperato e chiuso. Non intendo starmene con le mani in mano, e sono parecchie le domande che mi piacerebbe porre al manager dell’Azienda Sanitaria, l’ingegnere Alessandro Caltagirone, in primis sullo svolgimento dei concorsi che avrebbero dovuto dare una consistente boccata di ossigeno al nostro ospedale e del quale, invece, abbiamo perso le tracce. Che fine hanno fatto? Si sta procedendo con l’iter? Mi rifiuto di credere che ci sia in atto una manovra per favorire la sanità privata, ma in effetti è da tempo che molte cose sembrano non funzionare come vorrei e come tutti gli utenti vorrebbero”.

Il sindaco conferma l’intenzione di mantenere una linea collaborativa incisiva con l’ASP, ma di non essere disposto a vedere i presidi territoriali pubblici smantellati, a rischio e pericolo dei cittadini.

 

Leggi tutto

Variazioni alla viabilità dal 29 ottobre al 2 novembre e bus navetta per Farello

L’assessore alla Polizia Municipale, Giuseppe Licata, rende noto che è stata emessa un’ordinanza per disciplinare la viabilità da e per il cimitero Farello dal 29 ottobre al 2 novembre. La SS 115, infatti, che è l’unica strada che normalmente porta al cimitero, non è in grado di supportare il carico di traffico veicolare previsto in queste giornate particolari. Pertanto, al fine di scongiurare una paralisi del traffico, di concerto con il settore Lavori Pubblici, sull’asse autostradale attrezzato ex A.S.I. e sul tratto di asse portuale (compreso tra la bretella viaria della zona industriale e la confluenza con lo stesso citato Asse Attrezzato) sarà imposto il senso unico di circolazione e potranno transitare solo gli autobus del trasporto pubblico locale.

Sulla strada ex consortile, che collega il cimitero Farello con la SS 115 (all’altezza con l’intersezione con la ex SMIM) sarà imposto il senso unico di circolazione e potranno circolare solo autovetture, motoveicoli e ciclomotori. Nello slargo tra il muro perimetrale ovest del cimitero Farello e l’intersezione con la suddetta strada ex consortile che porta all’ex SMIM sarà istituita una rotatoria provvisoria e nel segmento di strada, che, passando sotto il ponte della ferrovia, collega lo slargo antistante la SS 115 con lo slargo antistante il cimitero Farello, la circolazione stradale sarà a senso unico di marcia e disciplinata tramite semaforo.

L’assessore Licata, inoltre, ha incontrato i responsabili di AST, che hanno assicurato la loro disponibilità a garantire corse aggiuntive e appositi bus navetta nei giorni 1 e 2 novembre. Il servizio navetta tramite bus urbani sarà attivo dalle ore 7 alle ore 18 nel seguente percorso: Stazione – via Niscemi – via Generale Cascino – via Crispi – via Butera – via Palazzi – Macchitella – viale Indipendenza – via Manzoni – Corso Aldisio – via Matteotti – via Bresmes – via Tevere – via Madonna del Rosario – Stazione – Farello.

 

 

Leggi tutto