Aperti al pubblico: Lun | Mer | Ven 8.30 - 13 - Mar | Gio 8.30 - 17.30

0933 906111

Il Sindaco Lucio Greco incontra il baby Sindaco Francesco Pizzardi e una delegazione di alunni della scuola Verga

Sindaco e baby Sindaco a confronto, questa mattina a Palazzo di Città. E’ stato davvero un bel momento quello dell’incontro tra il Sindaco Lucio Greco e il sindaco dei ragazzi, Francesco Pizzardi, accompagnato dal baby assessore Matteo Cassarà e da una delegazione di alunni e insegnanti del plesso Giovanni Verga, guidata dalle insegnanti Consuelo Lisciandra e Anna Maria Di Modica.

L’incontro si è svolto nell’aula consiliare, ed è servito a scambiarsi opinioni su temi importanti per la città: dal porto al verde pubblico, dalla creazione di un canile municipale all’importanza delle vaccinazioni fino ai problemi delle strade e alla richiesta di maggiori attività ludiche e di più spazi curati in cui poter giocare all’aria aperta. Gli alunni hanno anche consegnato al Sindaco le proprie lettere, contenenti non solo gli auguri di buone feste ma anche le proposte per una Gela più bella e più vivibile, a misura di bambino.

“Complimenti a questi ragazzi e ai loro insegnanti. Mi hanno posto delle domande davvero interessanti – ha commentato il Sindaco Greco – e non si sono tirati indietro al momento di proporre delle valide soluzioni. Mi hanno chiesto chiarimenti su alcune scelte operate da questa amministrazione, dando dimostrazione di una seria preparazione e di un acume non da poco. Li ringrazio sinceramente, inoltre, per l’affetto dimostrato attraverso le lettere con gli auguri di buon Natale, che ho voluto ricambiare con affetto a loro e alle loro famiglie. E’ stato motivo di orgoglio, inoltre, vedere con quale entusiasmo e fierezza Francesco Pizzardi indossasse la propria fascia tricolore. E’ ammirevole nutrire già a questa tenera età un così forte senso del dovere e coltivare la voglia di spendersi per la comunità in qualità di rappresentanti delle Istituzioni, con passione ed intelligenza. Decisamente ottime premesse per la buona politica del futuro”.

 

Leggi tutto

Democrazia Partecipata: vince il progetto della signora Paola Incardona con 723 voti

Con 723 voti, la città ha scelto il progetto vincitore di Democrazia Partecipata 2021. E’ quello della signora Paola Concetta Mariapia Incardona che verte sulla valorizzazione e la promozione della tradizione artistica e culturale di Gela. 2690 i voti complessivamente arrivati nel pomeriggio di ieri, dalle 15 alle 22, così suddivisi:

01 – Valorizzazione e promozione della tradizione artistica e culturale di Gela -Soggetto proponente: Sig.ra Incardona Paola Concetta Mariapia

VOTI 723

02 – Assistenza ai malati oncologici ricoverati presso il PO di Gela – Soggetto proponente: Associazione FARC&C

VOTI 327

03 – Realizzazione parco mini golf – Soggetto proponente: Sig.ra Todaro Barbara

VOTI 11

04 – Realizzazione di aree di sgambamento cani – Soggetto proponente: Sig.ra Cassaro Giulia

VOTI 372

05 – Realizzazione “Parco del sorriso” – Soggetto proponente: Sig. Maniscalco Rocco

VOTI 199

06 – Studio sperimentale coltivazione sul campo del Miglio grani antichi – Soggetto proponente: Sig. Alessandro Morselli

VOTI 495

07 – Riqualificazione urbana sociale culturale – Soggetto proponente: Sig. Cristian Duchetta

VOTI 285

08 – Attività di vigilanza – Soggetto proponente: Sig. Meula Basilio Angelo

VOTI 159

09 – Istituzione di uno spazio di lavori in cui i cittadini individuano idee risorse progetti per la realizzazione di spazi pubblici. – Soggetto proponente: Sig. Vincenzo Lo Blundo

VOTI 119

Il progetto della signora Incardona ha l’obiettivo di programmare un evento culturale di rilievo internazionale che, con il trascorrere degli anni, si possa radicare in città, dandole la giusta importanza artistica e regalandole sei opere d’arte che saranno la testimonianza di un cambio di rotta verso la cultura e l’arte. Il Simposio Internazionale di Scultura Contemporanea in pietra dovrà essere un laboratorio creativo a cielo aperto in cui sei scultori, italiani e stranieri, creano le loro opere davanti agli occhi dei passanti, che avranno la possibilità di interagire con essi e alla fine decreteranno l’opera più bella. Dal 3 al 30 luglio, dalle 10 del mattino alle 10 di sera, nel cuore della città ci si dedicherà all’arte e i temi portanti saranno quelli tipici della tradizione gelese: il mare, la pesca, il grano, la terra e gli antichi mestieri. Le opere realizzate verranno collocate nel centro urbano del comune di Gela e rappresenteranno il primo step di un percorso artistico-culturale che dovrà essere integrato, negli anni a seguire, con le sculture di altre edizioni del simposio. Nell’ambito della rassegna ci sarà spazio anche per i più piccoli con “BIMBIARTE di Scultura”, un laboratorio creativo dedicato a bambini dai 3 a 12 anni, per iniziarli alla lavorazione ed alla modellazione della creta.

“Come amministrazione comunale, – affermano il sindaco Lucio Greco e il vicesindaco Terenziano Di Stefano – siamo molto soddisfatti non solo per la qualità dei progetti presentati ma anche per l’esito della votazione. Anche quest’anno la partecipazione popolare si è confermata molto alta, a dimostrazione di una comunità che sa portare avanti delle idee molto valide e che vuole essere partecipe della vita amministrativa, apportando benefici alla propria città. Alle quasi 3000 persone che ieri pomeriggio si sono collegate per esprimere la propria preferenza, vanno, infatti, aggiunte le quasi 10mila che si sono collegate solo per visualizzare e conoscere i progetti in gara. Complimenti alla signora Incardona, grazie alla quale in estate vivremo un mese improntato all’arte e alla bellezza e che nei prossimi giorni inviteremo ufficialmente a Palazzo di Città”.

Leggi tutto

TARI, sgravi e rimborsi per chi ha già pagato: gli amministratori fanno chiarezza

“La nostra amministrazione ha molto a cuore le famiglie in difficoltà e intende andare incontro ai nuclei il cui ISEE certifica un reddito basso, in vista del pagamento della terza rata della Tari”.

Così il Sindaco Lucio Greco e l’assessore ai servizi sociali, Nadia Gnoffo, hanno aperto, questa mattina, la conferenza stampa convocata per fare chiarezza sull’avviso del Settore Servizi Sociali pubblicato qualche giorno fa sul sito istituzionale del Comune, e che riguarda sia gli sgravi fiscali per chi ancora deve pagare che il rimborso per chi ha già provveduto al pagamento della tassa sui rifiuti. La Giunta Comunale, infatti, ha deliberato di destinare le risorse economiche del Fondo assegnato al Comune di Gela, pari a € 1.338.004,00, quali contributi a sostegno del pagamento delle utenze domestiche TARI anno 2021 a favore di famiglie/contribuenti in stato di bisogno alle condizioni che seguono:
– Regolarità pagamento utenza TARI anno 2020;
– Indicatore della situazione economica equivalente del nucleo familiare, risultante da valida certificazione ISEE, rientrante nei seguenti limiti:
VALORE ISEE %
DA € 0 A € 5.000,00                          60%
DA € 5.000,01 A € 10.000,00           50%
DA € 10.000,01 A € 15.000,00         40%
DA € 15.000,01 A € 25.000,00         30%

“E’ importante che la città sappia che intendiamo restituire i soldi in più che, erroneamente, sono stati versati e che nulla andrà perso per i cittadini più diligenti che hanno già pagato la tassa sui rifiuti. Invitiamo chi abbia tutti i requisiti, dunque, – hanno dichiarato il Sindaco e l’assessore Gnoffo – a scaricare la domanda e a presentarla all’ufficio protocollo, insieme al proprio documento di riconoscimento in corso di validità. Il numero di protocollo che si riceverà al momento della presentazione della domanda servirà a verificare la propria posizione quando la graduatoria sarà stata stilata”.

“Su un altro aspetto vorrei fare chiarezza – ha poi proseguito il Sindaco – e cioè sul fatto che questa Tari è il frutto del PEF del biennio precedente. Le responsabilità delle somme ingenti che i cittadini sono chiamati a pagare, dunque, non sono in capo a questa amministrazione. Noi, per il futuro, stiamo lavorando per abbattere i costi e ridurli al minimo, perfettamente consapevoli della delicata situazione economica in cui versa la maggior parte delle famiglie gelesi. Il problema dei rifiuti è uno di quelli che, purtroppo, più si presta alla demagogia e alla strumentalizzazione, soprattutto da parte di chi è già in campagna elettorale, ma i cittadini devono sapere che sulla TARI, sulla raccolta differenziata e sulla situazione di Timpazzo stiamo facendo il possibile, nonostante l’enorme quantità di debiti che abbiamo trovato, seguendo la normativa alla lettera e mantenendo un filo diretto con la Regione. Siamo pronti al confronto con chiunque, forti della nostra coerenza e del nostro senso di responsabilità”.

Le domande per il rimborso o i contributi (scaricabili dal seguente link: http://portale.comune.gela.cl.it/openweb/pratiche/dett_registri.php?sezione=criteriBenefici&id=17128&codEstr=P_DIR) potranno essere presentate dal 13 al 27 dicembre 2021 oppure dal 28 dicembre 2021 all’11 gennaio 2022. Successivamente, sarà stilata una graduatoria, dando la preferenza, in caso di parità, ai nuclei familiari con almeno 3 figli. I fondi sono ad esaurimento. Per ulteriori informazioni contattare il segretariato sociale ai seguenti numeri: 0933 – 906796 / 906716.

Leggi tutto

Democrazia Partecipata: ecco il link per votare. Di Stefano: “La snoezelen room pronta a breve”

https://sites.google.com/view/democraziapartecipatagela/home-page

Ecco il link che permette di collegarsi alla piattaforma attraverso la quale, domenica 12 dicembre dalle ore 15 alle 22, si potranno votare i progetti di Democrazia Partecipata 2021. Per accedere ci si dovrà registrare, e si potrà esprimere una sola preferenza.

E mentre tutto è pronto per decretare il nuovo progetto che i cittadini vorranno premiare con i 60mila euro previsti, che rappresentano una parte dei trasferimenti regionali, il vicesindaco Terenziano Di Stefano fa chiarezza su alcuni aspetti. “La snoezelen room che ha vinto lo scorso anno sta per andare in gara, – spiega – abbiamo già individuato i locali ed entro i primi mesi del 2022 sarà pronta. Chi dice che ce ne siamo dimenticati, o che non abbiamo dato seguito alle parole, sbaglia. Non è una cosa che abbiamo trascurato, ma i tempi burocratici purtroppo sono lunghi e nessuno ha responsabilità”.

“La Commissione che ha esaminato i progetti di quest’anno, come da regolamento, è interna al Comune ed è formata da tre dirigenti: l’arch. Tonino Collura, l’avv. Mario Picone e l’arch. Emanuele Tuccio, coadiuvati dalla dr.ssa Adriana Nuara, che, anche quest’anno, ha fatto un lavoro eccezionale. Quello che mi preme evidenziare, – prosegue Di Stefano – è che i progetti presentati, circa 20, non sono stati valutati in base a criteri ben precisi. La Commissione ha fatto passare alla fase della votazione on line solo quelli che l’Ente può realizzare in base alle proprie competenze. Non è stato emesso un parere in base al gradimento personale, quella è una cosa che spetta al popolo che vota. In ogni caso, chi volesse dei chiarimenti sulle proposte non ammesse può richiedere i verbali al Comune. Come sempre, abbiamo fatto tutto alla luce del sole”.

Il vicesindaco Di Stefano, infine, lancia un appello al voto. “L’anno scorso abbiamo raggiunto numeri incredibili, e mi auguro che quest’anno accada di nuovo. Il bello della Democrazia Partecipata, in fondo, è proprio questo: la partecipazione della città alla vita amministrativa. Invito tutti, quindi, ad informarsi bene sui progetti in gara per poter esprimere, domenica, un voto consapevole”.

Leggi tutto

Manifestazione di interesse per i lavori di riqualificazione urbana di via Venezia

Manifestazione di interesse per lavori di “Riqualificazione Urbana via Venezia”. Procedura Negoziata, senza bando, articolo 63 del D.L.gs. n. 50/2016 e successive modifiche. Determinazione Dirigenziale n. 3773 del 07/12/2021.
In allegato gli allegati all’Avviso di manifestazione di interesse.

Scadenza il 27/12/2021 .

all. A – Avviso MANIFESTAZIONE INTERESSE via Venezia_signed

all. B – istanza manifestazione interesse via Venezia 

Leggi tutto

Avviso per l’assegnazione di contributi per il pagamento delle utenze domestiche Tassa Rifiuti (TARI) anno 2021

Oggetto: Approvazione avviso pubblico a sportello per l’assegnazione di contributi per il pagamento delle
utenze domestiche Tassa Rifiuti (TARI) anno 2021 a valere sul Fondo di cui all’art. 53 D.L. n. 73/2021
convertito in Legge n. 106/2021

IL DIRIGENTE
VISTO il Decreto Legge n. 73 del 25.05.2021(cd. Sostegni bis), convertito con modificazioni dalla Legge n.
106 del 23.07.2021, recante “Misure urgenti connesse all’emergenza da COVID-19, per le imprese, il lavoro, i
giovani, la salute e i servizi territoriali”;
VISTO, in particolare , l’art. 53 del D.L. 73/2021 recante “Misure urgenti di solidarietà alimentare e di sostegno
alle famiglie per il pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche”;
VISTA la deliberazione di Giunta Comunale n. 253 del 29.11.2021 con oggetto “Fondo di solidarietà alimentare
– assegnazione contributi per il pagamento delle utenze domestiche TARI anno 2021. Atto di indirizzo e
direttive”;
PRESO ATTO che la Giunta Comunale ha deliberato di destinare le risorse economiche del Fondo assegnato al
Comune di Gela, pari a € 1.338.004.00, quali contributi a sostegno del pagamento delle utenze domestiche
TARI anno 2021 a favore di famiglie/contribuenti in stato di bisogno alle condizioni che seguono:
– Regolarità pagamento utenza TARI anno 2020;
– Indicatore della situazione economica equivalente del nucleo familiare, risultante da valida
certificazione ISEE, calcolata ai sensi del DPCM 159/2013, rientrante nei seguenti limiti:
VALORE ISEE %
DA € 0 A € 5.000,00                          60%
DA € 5.000,01 A € 10.000,00           50%
DA € 10.000,01 A € 15.000,00         40%
DA € 15.000,01 A € 25.000,00         30%
– Formazione di una graduatoria in ordine crescente ISEE;
Determina n. 3834 del 09/12/2021 Pag. 2 di 3
– Preferenza, in caso di parità, ai nuclei familiari con almeno 3 figli;
– Applicazione, in caso di ulteriore parità, del criterio cronologico riferito alla data di presentazione delle
domande;
PRESO ATTO, altresì, che al Dirigente del Settore Servizi Sociali è stato demandato di predisporre tutti gli atti
amministrativi necessari all’assegnazione di contributi per il delle utenze domestiche TARI anno 2021 a favore
di famiglie/contribuenti in stato di bisogno alle condizioni alle condizioni sopra integralmente trascritte;
SENTITI il Dirigente del Settore Tributi e il Funzionario Responsabile TARI;
VISTA la nota prot. n. 0109602 del 14.10.2021 con la quale il Settore Bilancio ha trasmesso il prospetto
relativo a “trasferimenti erariali e attribuzione di risorse anno 2021” dal quale si evince l’assegnazione in favore
del Comune di Gela dell’importo di € 1.338.003,98 a titolo di “Fondo di solidarietà alimentare e sostegno alle
famiglie in stato di bisogno (art. 53, comma 1, D.L. 73/2021);
VISTA la deliberazione di Consiglio Comunale n. 198 del 29/11/2021 con la quale è stata approvata la
variazione di bilancio di previsione 2021-2022.2023;
RITENUTO di dover procedere alla pubblicazione dell’Avviso per l’assegnazione del contributo di che trattasi
secondo i criteri stabiliti dalla Giunta Comunale con deliberazione n. 253 del 29.11.2021;
P.Q.M.

DETERMINA
Per le ragioni espresse nella parte motiva e che qui si intendono integralmente richiamate
1. di approvare l’Avviso Pubblico a sportello per l’assegnazione di contributi per il pagamento delle
utenze domestiche Tassa Rifiuti (TARI) anno 2021 a valere sul Fondo di cui all’art. 53 D.L. n. 73/2021
convertito in Legge n. 106/2021, allegato al presente atto – unitamente a modulo di domanda – per
costituirne parte integrante e sostanziale;
2. di dare atto che le domande per l’assegnazione del contributo potranno essere presentate entro i
seguenti periodi:
1^ finestra : dal 13 al 27 dicembre 2021
2^ finestra: dal 28 dicembre 2021 al 11 gennaio 2022;
3. di nominare Responsabile del Procedimento del procedimento per il riconoscimento del contributo il
funzionario dott. Federico Paolo;
4. di dare atto che il presente provvedimento sarà pubblicato all’Albo pretorio on line e, ai sensi del D.lgs.
33/2013, sul sito istituzionale dell’Ente – Amministrazione Trasparente – Sezione Provvedimenti,
sottosezione Provvedimenti del Dirigente, e Sezione Sovvenzioni, Contributi, Sussidi, Vantaggi
economici – sottosezione Criteri e Modalità.

PER TUTTE LE ALTRE INFORMAZIONI E PER LA DOMANDA CLICCA QUI:  http://portale.comune.gela.cl.it/openweb/pratiche/dett_registri.php?sezione=criteriBenefici&id=17128&codEstr=P_DIR&CSRF=9c452f67f1db6cf387a0228dc7bcfbcf

Leggi tutto

Democrazia partecipata, domenica la parola passa ai cittadini. Ecco le proposte che sarà possibile votare

La giunta municipale ha approvato la delibera per la selezione dei progetti di Democrazia Partecipata 2021. Si passa adesso alla fase successiva, ossia la votazione on line da parte dei cittadini delle proposte che hanno avuto il via libera della commissione esaminatrice, votazione che si terrà domenica 12 dicembre dalle ore 15 alle ore 22. Ciascun cittadino potrà esprimere il proprio voto (solo uno, previa registrazione sulla piattaforma che sarà comunicata nelle prossime ore). Alla fine, l’idea che avrà ottenuto più preferenze sarà portata avanti e realizzata dall’amministrazione comunale, per un importo massimo di 60mila euro.

Ecco quali sono le proposte che sarà possibile votare:

– Proposta della Sig.ra Incardona Paola Concetta Mariapia con obiettivo “Organizzazione di un evento culturale internazionale per la valorizzazione e la promozione della tradizione artistica e culturale di Gela”. Importo € 60.000,00.

– Sei proposte progettuali presentate dall’Associazione FARC&C per il sostegno ai malati oncologici e ai loro familiari con obiettivo: “Assistenza ai malati oncologici ricoverati presso il PO di Gela”. Importo complessivo di € 60.000,00.

– Proposta della Sig.ra Todaro Barbara con obiettivo “Attività ricreative per giovani, famiglie anziani attraverso attuazione parco mini golf “. Importo € 60.000,00.

– Proposta della Sig.ra Cassaro Giulia con obiettivo “Aumento della sensibilità della popolazione umana nei confronti degli animali” attraverso la realizzazione di aree di sgambamenti cani. Importo €. 40.000,00

– Proposta del Sig. Maniscalco Rocco con obiettivo “Parco del Sorriso” da realizzare in area comunale, come fucina ricreativa per tutti i cittadini residenti nel quartiere costa Zampogna. Importo 60.000,00;

– Proposta del Sig. Alessandro Morselli, rappresentante legale dell’associazione “Centro Studi Gela PRO sfide università Roma Unitelma”, con obiettivo “Studio sperimentale coltivazione sul campo del Miglio grani antichi” – Importo € 60.000,00.

– Proposta del Sig. Cristian Duchetta, legale rappresentante dell’Associazione “Formamente”, con obiettivo “Riqualificazione urbana sociale culturale” attraverso installazione di simboli storico-culturali, tipo 2 statue del “Toro di Gela” – Importo € 58.500,00.

– Proposta del sig. Meula Basilio Angelo, legale rappresentante dell’Associazione “Carabinieri Gruppo Volontario A.N.C Sezione di Gela”, con obiettivo “Migliorare la città tramite apporto di agenti accertatori per attività di vigilanza”. Importo € 60.000,00.

– Proposta del sig. Vincenzo Lo Blundo, legale rappresentante dell’Associazione “Semi Spazi Condivisi”, con obiettivo “Istituzione di uno spazio di lavori in cui i cittadini individuano idee risorse progetti per la realizzazione di spazi pubblici” – Importo € 60.000,00.

Leggi tutto

Stato di calamità naturale in agricoltura: ecco la delibera di giunta regionale che include Gela

E’ stata pubblicata sul sito della Regione Sicilia l’attesa delibera n.525 del 2 dicembre 2021 con la richiesta di estensione della dichiarazione dello stato di crisi e di emergenza per gli eventi meteo avversi che nei giorni dall’8 al 17 novembre hanno interessato il territorio siciliano. Per la provincia di Caltanissetta i comuni inseriti e che usufruiranno dei ristori sono quelli di Gela e Mazzarino.

“Sapevamo che l’intero nostro comparto agricolo aspettava questa dichiarazione dello stato di calamità naturale, – dichiarano il Sindaco Lucio Greco e il presidente del consiglio comunale Totò Sammito – perché tante sono state le aziende messe in ginocchio dalla violenta ondata di maltempo del mese scorso. In questi giorni non ci siamo mai fermati, abbiamo lavorato incessantemente e seguito attentamente tutto l’iter. Abbiamo interloquito con l’assessore regionale all’Agricoltura Toni Scilla, che alcuni giorni fa ci aveva personalmente garantito, al telefono, l’inserimento di Gela tra le città elencate nella delibera di giunta, e finalmente stasera alle parole sono seguiti i fatti e i documenti. Sappiamo che non sarà questo a risolvere i problemi della categoria, ma ciò dimostra in primis che a Palermo c’è un governo regionale ricettivo e attento alle nostre esigenze, e in secondo luogo che quanto da noi dichiarato nei giorni scorsi, mentre altri già parlavano di ennesimo furto, era la verità. I nostri agricoltori sappiano che continueremo a lavorare per il bene dell’intero settore, consapevoli che tante sono le annose emergenze da risolvere”.

Leggi tutto

IMU: entro il 16 dicembre dovrà essere versata la rata di saldo. Ecco tutto quello che c’è da sapere

Entro il 16 dicembre 2021 dovrà essere versata la rata di saldo, in base alle aliquote e alle detrazioni già deliberate dall’Amministrazione Comunale, ad esclusione di coloro che hanno provveduto al pagamento dell’imposta in unica soluzione nel mese di Giugno.

QUALI IMMOBILI PAGANO FATTISPECIE ALIQUOTE 2021

Abitazioni principali di lusso categoria A/1, A/8, A/9 e loro pertinenze di categoria C/2, C/6 e C/7 0,5% Unità immobiliari concesse in uso gratuito a parenti (con riduzione base imponibile 50%) 1,0% Unità immobiliari concesse in locazione a soggetto che la utilizza come abitazione principale 1,0% Unità immobiliari ad uso produttivo appartenenti al gruppo catastale D 1,0% Terreni agricoli 0,76% Aree fabbricabili 1,0% Abitazioni tenute a disposizione 1,0% Altri immobili – categoria A/10, C/1, C/3, C/4 1,0% Detrazione per abitazione principale € 200,00

IMMOBILI ESCLUSI

L’ IMU non si applica alle seguenti categorie di immobili: le abitazioni principali (tranne le categorie A/1, A/8 e A/9) e loro pertinenze classificate nelle categorie C/2, C/6 e C/7 nella misura massima di una sola unità per ciascuna delle categorie indicate Sono altresì esclusi i seguenti immobili (previa presentazione della Dichiarazione di Variazione IMU): la casa familiare assegnata al genitore affidatario dei figli, a seguito di provvedimento del giudice, che costituisce altresì, ai soli fini dell’applicazione dell’imposta, il diritto di abitazione in capo al genitore affidatario stesso; le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa destinate a studenti universitari soci assegnatari, a prescindere dal requisito della residenza anagrafica; i fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal Decreto del Ministro delle Infrastrutture del 22 aprile 2008, adibiti ad abitazione principale; un solo immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e fatto salvo quanto previsto dall’articolo 28 comma 1 del D.Lgs. n. 139/2000, dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica; i terreni agricoli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali di cui all’art. 1 del D.lgs. n. 99/2004, iscritti nella previdenza agricola, comprese le società agricole di cui all’art. 1 comma 3 del citato D.lgs. n. 99/2004, indipendentemente dalla loro ubicazione.

ESENZIONI IMU 2021

Il comma 3 dell’art. 78 del Decreto Legge n. 104/2020 convertito con modificazioni dalla Legge n.126 del 13/10/2020 prevede l’esenzione dal pagamento dell’IMU 2021 per gli immobili rientranti nella categoria catastale D/3 destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti e spettacoli, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate. Ai sensi dell’art. 4 ter, decreto legge n. 73/2021, convertito con modificazioni dalla Legge n. 106/2021, alle persone fisiche che possiedono un immobile concesso in locazione a uso abitativo che abbiano ottenuto in proprio favore l’emissione di una convalida di sfratto per morosità entro il 28 febbraio 2020, la cui esecuzione è sospesa sino al 30 giugno 2021, è riconosciuta l’esenzione dal versamento dell’IMU per l’anno 2021 relativa al suddetto fabbricato. L’esenzione si applica anche a beneficio delle persone fisiche titolari di un immobile concesso in locazione ad uso abitativo che abbiano ottenuto in proprio favore l’emissione di una convalida di sfratto per morosità successivamente al 28 febbraio 2020 la cui esecuzione è sospesa fino al 31 dicembre 2021. I soggetti beneficiari hanno diritto al rimborso della prima rata dell’IMU relativa all’anno 2021, versata entro il 16 giugno 2021. Per avere diritto alle suddette esenzioni occorre presentare la Dichiarazione di Variazione IMU 2021.

RIDUZIONE PER I PENSIONATI RESIDENTI ALL’ESTERO

La Legge di Bilancio 2021 ha stabilito, a decorrere dall’anno 2021, la riduzione pari al 50% dell’imposta per una sola unità immobiliare ad uso abitativo, a condizione che non sia locata o data in comodato d’uso, posseduta in Italia a titolo di proprietà o usufrutto da soggetti non residenti nel territorio dello Stato, che siano titolari di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l’Italia, residenti in uno Stato di assicurazione, diverso dall’Italia. Per avere diritto all’applicazione della riduzione occorre presentare la dichiarazione di variazione

RIDUZIONI

Beneficiano della riduzione della base imponibile del 50 %: i fabbricati concessi in uso gratuito ai parenti in linea retta entro il primo grado (genitori e figli), ad esclusione delle categorie catastali A/1, A/8 e A/9. Per poter beneficiare della riduzione occorre rispettare tutte le seguenti condizioni: – il comodante che concede il fabbricato in uso deve risiedere anagraficamente, quindi dimorare abitualmente a Gela e non deve possedere altri fabbricati ad uso abitativo in Italia oltre la casa in cui risiede (nel comune di Gela) e quella data in comodato d’uso gratuito; – la concessione dell’immobile ai genitori/figli deve risultare da un contratto, in forma scritta o verbale, che deve essere registrato presso l’Agenzia delle Entrate. La riduzione decorre dalla data di stipula (in caso di forma scritta) o di conclusione (in caso di accordo verbale). L’agevolazione si estende, in caso di morte del comodatario, anche al coniuge di quest’ultimo, ma solo se sono presenti figli minori; i fabbricati inagibili/inabitabili e di fatto non utilizzati. L’inagibilità o inabitabilità consiste in un degrado fisico sopravvenuto non superabile con interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria; i fabbricati di interesse storico o artistico, di cui all’art. 10 del D.lgs n. 42/2004. Per avere diritto all’applicazione della riduzione occorre presentare la dichiarazione di variazione IMU o apposita comunicazione tramite la modulistica predisposta dall’ufficio tributi. I fabbricati locati a canone concordato di cui alla legge n. 431/1998 beneficiano della riduzione del 25% dell’imposta.

ESENZIONI

Sono esenti, solo per il periodo nell’anno durante il quale sussistono le condizioni, gli immobili dati in comodato gratuito, regolarmente registrato, al Comune o altro ente territoriale, destinati esclusivamente all’esercizio dei rispettivi compiti istituzionali (esclusa la quota IMU riservata allo Stato sui fabbricati D) e i fabbricati dati in comodato gratuito, regolarmente registrato, ad enti non commerciali ed esclusivamente utilizzati per lo svolgimento con modalità non commerciali delle attività previste nella lettera i) dell’articolo 7, comma 1, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504, a condizione che dette attività siano comprese negli scopi statutari degli enti stessi. Per avere diritto all’esenzione occorre presentare apposita comunicazione tramite la modulistica predisposta dall’ufficio tributi da presentarsi a pena di decadenza entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui si verificano i presupposti per l’esenzione.

COME SI CALCOLA

Ogni contribuente calcola l’IMU in autoliquidazione applicando alla base imponile le aliquote deliberate dal Consiglio Comunale, tenendo conto della quota e dei mesi di possesso. L’imponibile dei fabbricati è dato dal prodotto della rendita catastale vigente al 1° gennaio 2021 rivalutata del 5% (rendita moltiplicata per 1,05) e del moltiplicatore:

– FABBRICATI gruppo catastale A (esclusa la categoria A10) e categorie catastali C2-C6-C7: rendita rivalutata x 160; gruppo catastale B e categorie catastali C3-C4-C5: rendita rivalutata x 140 categorie catastali A10 e D5: rendita rivalutata x 80 categoria catastale C1: rendita rivalutata x 55 categoria catastale D (esclusa la categoria D5): rendita rivalutata x 65 categoria catastale D privi di rendita e posseduti da imprese: valore contabile x i coefficienti stabiliti con decreto del MEF 7 Maggio 2021

– AREA EDIFICABILE valore venale in comune commercio

– TERRENI AGRICOLI diversi da quelli posseduti dai coltivatori diretti o dagli imprenditori agricoli: (reddito dominicale + rivalutazione del 25%) x 135

Le rendite dei fabbricati e il reddito dominicale dei terreni vengono determinati dal Catasto, il valore delle aree edificabili viene determinato dal valore venale in comune commercio, mentreil valore dei fabbricati D posseduti da imprese, non ancora accatastati, tramite le scritture contabili. Nel caso in cui i fabbricati siano ultimati, occorre procedere con sollecitudine all’accatastamento poiché per determinare l’imposta non è più consentito utilizzare la cosiddetta “rendita presunta”. Fino alla data di accatastamento, anche se utilizzato, il fabbricato sconterà l’imposta calcolata in base al valore dell’area sulla quale è edificato.

COME SI PAGA

Si può pagare con delega di pagamento modello F24 presso uffici postali, sportelli bancari o tramite homebanking. Per i versamenti eseguiti dall’estero occorre utilizzare il codice IBAN: IT14B0200883330000300024424 e il codice BIC/SWIFT: UNCRITM1K50. L’importo da versare deve essere arrotondato all’euro per ciascun rigo del modello F24 o del bollettino, senza centesimi; l’arrotondamento va effettuato per difetto se la frazione è inferiore a 50 centesimi o per eccesso se è uguale o superiore a detto importo. Non si versa se l’importo riferito all’intero anno per tutte le fattispecie imponibili è inferiore a € 12,00.

COME SI COMPILA IL MODELLO F24

Per versare l’imposta occorre compilare la sezione “IMU E ALTRI TRIBUTI LOCALI”, indicando l’Ente destinatario del versamento e il “codice tributo” a seconda della tipologia del bene cui si riferisce il versamento. Il codice Ente che identifica il Comune di Gela è D960, mentre i codici tributo sono i seguenti: DENOMINAZIONE CODICE IMU

– Abitazione principale e relative pertinenze 3912

– Fabbricati rurali ad uso strumentale 3913

– Terreni agricoli 3914

– Aree fabbricabili 3916

– Altri fabbricati 3918

– Immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D -STATO 3925

– Immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – INCREMENTO COMUNE 3930

– Fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita (beni merce) 3939

LA DICHIARAZIONE IMU

La dichiarazione IMU, è un modulo ministeriale che deve essere presentato dai soggetti passivi solo nei casi in cui le modificazioni soggettive e oggettive che danno luogo a un diverso ammontare dell’imposta dovuta attengono a riduzioni o esenzioni d’imposta o non sono immediatamente fruibili da parte dei comuni attraverso la consultazione della banca dati catastale o dal modello unico informatico (MUI) predisposto dal notaio. La dichiarazione deve essere presentata o, in alternativa, trasmessa in via telematica entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta. Le dichiarazioni hanno effetto anche per gli anni successivi, sempre che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dei tributi dovuti.

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

Questo sistema, previsto per legge, consente al contribuente che si accorge di aver sbagliato o dimenticato un versamento, di mettersi in regola prima che l’ufficio accerti la violazione, entro tempi determinati, così da garantirsi una riduzione delle sanzioni previste per tali infrazioni, come di seguito indicato:

– SPRINT 0,1% dell’importo non versato per ogni giorno di ritardo, sino ad un massimo del 1,40% entro il 14° giorno successivo alla data di scadenza del pagamento

– BREVE 1,5% dell’importo non versato dal 15° al 30° giorno di ritardo

– MEDIO 1,67% dell’importo non versato dal 31° al 90° giorno di ritardo

– LUNGO 3,75% dell’importo non versato oltre il 90° giorno di ritardo e comunque entro l’anno dalla data di scadenza del pagamento; 4,28% dell’importo non versato entro due anni dall’omissione o dall’errore; 5% dell’importo non versato oltre due dall’omissione o dall’errore.

Oltre la sanzione si devono versare anche gli interessi calcolati esclusivamente sull’imposta dovuta (al netto della sanzione), al tasso legale annuo attualmente pari allo 0,01% per ogni giorno di ritardo, utilizzando la seguente formula: Interessi = imposta x giorni di ritardo x tasso legale:36500

COME CONTATTARE L’UFFICIO IMU: tramite posta elettronica ai seguenti indirizzi: tributi@comune.gela.cl.it – tributi@pec.comune.gela.cl.it

Tutta la modulistica e ulteriori informazioni sono disponibili sul sito internet istituzionale all’indirizzo www.comune.gela.cl.it nell’apposita sezione “Istanze On Line”.

 

Leggi tutto

Censimento 2021: avete ricevuto la lettera dell’ISTAT? Ecco tutto quello che dovete fare

Si comunica alla cittadinanza che, nei mesi scorsi, l’Istat ha inviato una lettera informativa per invitare un campione di famiglie residenti nel territorio del Comune di Gela a partecipare al Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni – anno 2021.

Le famiglie dovranno compilare on line il questionario collegandosi all’indirizzo: https://raccoltadati.istat.it/questionario e inserendo le proprie credenziali di accesso fornite dall’ Istat. In alternativa, potranno recarsi presso il Centro Comunale di Rilevazione che ha sede al Comune, dove potranno utilizzare un pc con accesso a internet per compilare il questionario autonomamente o tramite intervista condotta da un operatore/rilevatore comunale. C’è tempo fino al 13 dicembre 2021.

Il Centro Comunale di Rilevazione è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,30, ed il Martedì e Giovedì dalle ore 15,30 alle 17,00.

Le famiglie che non hanno ancora compilato il questionario on line, oltre ad avere sempre a disposizione il canale on line e la possibilità di recarsi presso un CCR del proprio Comune, saranno contattate da un operatore/rilevatore comunale per un’intervista faccia a faccia o telefonica.

Dal 14 dicembre l’intervista sarà possibile solo tramite operatore/rilevatore comunale, presso il proprio domicilio oppure presso i Centri Comunali di Rilevazione. Se l’appuntamento per l’intervista è già stato fissato presso il proprio domicilio, il questionario dovrà essere compilato esclusivamente con l’ausilio di un rilevatore comunale. In ogni caso, per non incorrere nelle sanzioni previste, il questionario dev’essere compilato entro e non oltre il 23 dicembre 2021. Per informazioni e/o chiarimenti è possibile contattare il CCR ai numeri 0933-906271 o 0933-906360 oppure il numero verde 800.188.802 (attivo tutti i giorni fino al 23 dicembre dalle ore 9.00 alle ore 21.00). Infine, si può scrivere una mail a censimentipermanenti.popolazionelista@istat.it.

Attenzione! Le sanzioni per chi non compilerà e non consegnerà i moduli vanno da 206,58 a 2.065,83 euro.

Leggi tutto