Aperti al pubblico: Lun | Mer | Ven 8.30 - 13 - Mar | Gio 8.30 - 17.30

0933 906111

Stato di calamità naturale in agricoltura: ecco la delibera di giunta regionale che include Gela

E’ stata pubblicata sul sito della Regione Sicilia l’attesa delibera n.525 del 2 dicembre 2021 con la richiesta di estensione della dichiarazione dello stato di crisi e di emergenza per gli eventi meteo avversi che nei giorni dall’8 al 17 novembre hanno interessato il territorio siciliano. Per la provincia di Caltanissetta i comuni inseriti e che usufruiranno dei ristori sono quelli di Gela e Mazzarino.

“Sapevamo che l’intero nostro comparto agricolo aspettava questa dichiarazione dello stato di calamità naturale, – dichiarano il Sindaco Lucio Greco e il presidente del consiglio comunale Totò Sammito – perché tante sono state le aziende messe in ginocchio dalla violenta ondata di maltempo del mese scorso. In questi giorni non ci siamo mai fermati, abbiamo lavorato incessantemente e seguito attentamente tutto l’iter. Abbiamo interloquito con l’assessore regionale all’Agricoltura Toni Scilla, che alcuni giorni fa ci aveva personalmente garantito, al telefono, l’inserimento di Gela tra le città elencate nella delibera di giunta, e finalmente stasera alle parole sono seguiti i fatti e i documenti. Sappiamo che non sarà questo a risolvere i problemi della categoria, ma ciò dimostra in primis che a Palermo c’è un governo regionale ricettivo e attento alle nostre esigenze, e in secondo luogo che quanto da noi dichiarato nei giorni scorsi, mentre altri già parlavano di ennesimo furto, era la verità. I nostri agricoltori sappiano che continueremo a lavorare per il bene dell’intero settore, consapevoli che tante sono le annose emergenze da risolvere”.

Leggi tutto

IMU: entro il 16 dicembre dovrà essere versata la rata di saldo. Ecco tutto quello che c’è da sapere

Entro il 16 dicembre 2021 dovrà essere versata la rata di saldo, in base alle aliquote e alle detrazioni già deliberate dall’Amministrazione Comunale, ad esclusione di coloro che hanno provveduto al pagamento dell’imposta in unica soluzione nel mese di Giugno.

QUALI IMMOBILI PAGANO FATTISPECIE ALIQUOTE 2021

Abitazioni principali di lusso categoria A/1, A/8, A/9 e loro pertinenze di categoria C/2, C/6 e C/7 0,5% Unità immobiliari concesse in uso gratuito a parenti (con riduzione base imponibile 50%) 1,0% Unità immobiliari concesse in locazione a soggetto che la utilizza come abitazione principale 1,0% Unità immobiliari ad uso produttivo appartenenti al gruppo catastale D 1,0% Terreni agricoli 0,76% Aree fabbricabili 1,0% Abitazioni tenute a disposizione 1,0% Altri immobili – categoria A/10, C/1, C/3, C/4 1,0% Detrazione per abitazione principale € 200,00

IMMOBILI ESCLUSI

L’ IMU non si applica alle seguenti categorie di immobili: le abitazioni principali (tranne le categorie A/1, A/8 e A/9) e loro pertinenze classificate nelle categorie C/2, C/6 e C/7 nella misura massima di una sola unità per ciascuna delle categorie indicate Sono altresì esclusi i seguenti immobili (previa presentazione della Dichiarazione di Variazione IMU): la casa familiare assegnata al genitore affidatario dei figli, a seguito di provvedimento del giudice, che costituisce altresì, ai soli fini dell’applicazione dell’imposta, il diritto di abitazione in capo al genitore affidatario stesso; le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa destinate a studenti universitari soci assegnatari, a prescindere dal requisito della residenza anagrafica; i fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal Decreto del Ministro delle Infrastrutture del 22 aprile 2008, adibiti ad abitazione principale; un solo immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e fatto salvo quanto previsto dall’articolo 28 comma 1 del D.Lgs. n. 139/2000, dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica; i terreni agricoli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali di cui all’art. 1 del D.lgs. n. 99/2004, iscritti nella previdenza agricola, comprese le società agricole di cui all’art. 1 comma 3 del citato D.lgs. n. 99/2004, indipendentemente dalla loro ubicazione.

ESENZIONI IMU 2021

Il comma 3 dell’art. 78 del Decreto Legge n. 104/2020 convertito con modificazioni dalla Legge n.126 del 13/10/2020 prevede l’esenzione dal pagamento dell’IMU 2021 per gli immobili rientranti nella categoria catastale D/3 destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti e spettacoli, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate. Ai sensi dell’art. 4 ter, decreto legge n. 73/2021, convertito con modificazioni dalla Legge n. 106/2021, alle persone fisiche che possiedono un immobile concesso in locazione a uso abitativo che abbiano ottenuto in proprio favore l’emissione di una convalida di sfratto per morosità entro il 28 febbraio 2020, la cui esecuzione è sospesa sino al 30 giugno 2021, è riconosciuta l’esenzione dal versamento dell’IMU per l’anno 2021 relativa al suddetto fabbricato. L’esenzione si applica anche a beneficio delle persone fisiche titolari di un immobile concesso in locazione ad uso abitativo che abbiano ottenuto in proprio favore l’emissione di una convalida di sfratto per morosità successivamente al 28 febbraio 2020 la cui esecuzione è sospesa fino al 31 dicembre 2021. I soggetti beneficiari hanno diritto al rimborso della prima rata dell’IMU relativa all’anno 2021, versata entro il 16 giugno 2021. Per avere diritto alle suddette esenzioni occorre presentare la Dichiarazione di Variazione IMU 2021.

RIDUZIONE PER I PENSIONATI RESIDENTI ALL’ESTERO

La Legge di Bilancio 2021 ha stabilito, a decorrere dall’anno 2021, la riduzione pari al 50% dell’imposta per una sola unità immobiliare ad uso abitativo, a condizione che non sia locata o data in comodato d’uso, posseduta in Italia a titolo di proprietà o usufrutto da soggetti non residenti nel territorio dello Stato, che siano titolari di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l’Italia, residenti in uno Stato di assicurazione, diverso dall’Italia. Per avere diritto all’applicazione della riduzione occorre presentare la dichiarazione di variazione

RIDUZIONI

Beneficiano della riduzione della base imponibile del 50 %: i fabbricati concessi in uso gratuito ai parenti in linea retta entro il primo grado (genitori e figli), ad esclusione delle categorie catastali A/1, A/8 e A/9. Per poter beneficiare della riduzione occorre rispettare tutte le seguenti condizioni: – il comodante che concede il fabbricato in uso deve risiedere anagraficamente, quindi dimorare abitualmente a Gela e non deve possedere altri fabbricati ad uso abitativo in Italia oltre la casa in cui risiede (nel comune di Gela) e quella data in comodato d’uso gratuito; – la concessione dell’immobile ai genitori/figli deve risultare da un contratto, in forma scritta o verbale, che deve essere registrato presso l’Agenzia delle Entrate. La riduzione decorre dalla data di stipula (in caso di forma scritta) o di conclusione (in caso di accordo verbale). L’agevolazione si estende, in caso di morte del comodatario, anche al coniuge di quest’ultimo, ma solo se sono presenti figli minori; i fabbricati inagibili/inabitabili e di fatto non utilizzati. L’inagibilità o inabitabilità consiste in un degrado fisico sopravvenuto non superabile con interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria; i fabbricati di interesse storico o artistico, di cui all’art. 10 del D.lgs n. 42/2004. Per avere diritto all’applicazione della riduzione occorre presentare la dichiarazione di variazione IMU o apposita comunicazione tramite la modulistica predisposta dall’ufficio tributi. I fabbricati locati a canone concordato di cui alla legge n. 431/1998 beneficiano della riduzione del 25% dell’imposta.

ESENZIONI

Sono esenti, solo per il periodo nell’anno durante il quale sussistono le condizioni, gli immobili dati in comodato gratuito, regolarmente registrato, al Comune o altro ente territoriale, destinati esclusivamente all’esercizio dei rispettivi compiti istituzionali (esclusa la quota IMU riservata allo Stato sui fabbricati D) e i fabbricati dati in comodato gratuito, regolarmente registrato, ad enti non commerciali ed esclusivamente utilizzati per lo svolgimento con modalità non commerciali delle attività previste nella lettera i) dell’articolo 7, comma 1, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504, a condizione che dette attività siano comprese negli scopi statutari degli enti stessi. Per avere diritto all’esenzione occorre presentare apposita comunicazione tramite la modulistica predisposta dall’ufficio tributi da presentarsi a pena di decadenza entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui si verificano i presupposti per l’esenzione.

COME SI CALCOLA

Ogni contribuente calcola l’IMU in autoliquidazione applicando alla base imponile le aliquote deliberate dal Consiglio Comunale, tenendo conto della quota e dei mesi di possesso. L’imponibile dei fabbricati è dato dal prodotto della rendita catastale vigente al 1° gennaio 2021 rivalutata del 5% (rendita moltiplicata per 1,05) e del moltiplicatore:

– FABBRICATI gruppo catastale A (esclusa la categoria A10) e categorie catastali C2-C6-C7: rendita rivalutata x 160; gruppo catastale B e categorie catastali C3-C4-C5: rendita rivalutata x 140 categorie catastali A10 e D5: rendita rivalutata x 80 categoria catastale C1: rendita rivalutata x 55 categoria catastale D (esclusa la categoria D5): rendita rivalutata x 65 categoria catastale D privi di rendita e posseduti da imprese: valore contabile x i coefficienti stabiliti con decreto del MEF 7 Maggio 2021

– AREA EDIFICABILE valore venale in comune commercio

– TERRENI AGRICOLI diversi da quelli posseduti dai coltivatori diretti o dagli imprenditori agricoli: (reddito dominicale + rivalutazione del 25%) x 135

Le rendite dei fabbricati e il reddito dominicale dei terreni vengono determinati dal Catasto, il valore delle aree edificabili viene determinato dal valore venale in comune commercio, mentreil valore dei fabbricati D posseduti da imprese, non ancora accatastati, tramite le scritture contabili. Nel caso in cui i fabbricati siano ultimati, occorre procedere con sollecitudine all’accatastamento poiché per determinare l’imposta non è più consentito utilizzare la cosiddetta “rendita presunta”. Fino alla data di accatastamento, anche se utilizzato, il fabbricato sconterà l’imposta calcolata in base al valore dell’area sulla quale è edificato.

COME SI PAGA

Si può pagare con delega di pagamento modello F24 presso uffici postali, sportelli bancari o tramite homebanking. Per i versamenti eseguiti dall’estero occorre utilizzare il codice IBAN: IT14B0200883330000300024424 e il codice BIC/SWIFT: UNCRITM1K50. L’importo da versare deve essere arrotondato all’euro per ciascun rigo del modello F24 o del bollettino, senza centesimi; l’arrotondamento va effettuato per difetto se la frazione è inferiore a 50 centesimi o per eccesso se è uguale o superiore a detto importo. Non si versa se l’importo riferito all’intero anno per tutte le fattispecie imponibili è inferiore a € 12,00.

COME SI COMPILA IL MODELLO F24

Per versare l’imposta occorre compilare la sezione “IMU E ALTRI TRIBUTI LOCALI”, indicando l’Ente destinatario del versamento e il “codice tributo” a seconda della tipologia del bene cui si riferisce il versamento. Il codice Ente che identifica il Comune di Gela è D960, mentre i codici tributo sono i seguenti: DENOMINAZIONE CODICE IMU

– Abitazione principale e relative pertinenze 3912

– Fabbricati rurali ad uso strumentale 3913

– Terreni agricoli 3914

– Aree fabbricabili 3916

– Altri fabbricati 3918

– Immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D -STATO 3925

– Immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – INCREMENTO COMUNE 3930

– Fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita (beni merce) 3939

LA DICHIARAZIONE IMU

La dichiarazione IMU, è un modulo ministeriale che deve essere presentato dai soggetti passivi solo nei casi in cui le modificazioni soggettive e oggettive che danno luogo a un diverso ammontare dell’imposta dovuta attengono a riduzioni o esenzioni d’imposta o non sono immediatamente fruibili da parte dei comuni attraverso la consultazione della banca dati catastale o dal modello unico informatico (MUI) predisposto dal notaio. La dichiarazione deve essere presentata o, in alternativa, trasmessa in via telematica entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta. Le dichiarazioni hanno effetto anche per gli anni successivi, sempre che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dei tributi dovuti.

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

Questo sistema, previsto per legge, consente al contribuente che si accorge di aver sbagliato o dimenticato un versamento, di mettersi in regola prima che l’ufficio accerti la violazione, entro tempi determinati, così da garantirsi una riduzione delle sanzioni previste per tali infrazioni, come di seguito indicato:

– SPRINT 0,1% dell’importo non versato per ogni giorno di ritardo, sino ad un massimo del 1,40% entro il 14° giorno successivo alla data di scadenza del pagamento

– BREVE 1,5% dell’importo non versato dal 15° al 30° giorno di ritardo

– MEDIO 1,67% dell’importo non versato dal 31° al 90° giorno di ritardo

– LUNGO 3,75% dell’importo non versato oltre il 90° giorno di ritardo e comunque entro l’anno dalla data di scadenza del pagamento; 4,28% dell’importo non versato entro due anni dall’omissione o dall’errore; 5% dell’importo non versato oltre due dall’omissione o dall’errore.

Oltre la sanzione si devono versare anche gli interessi calcolati esclusivamente sull’imposta dovuta (al netto della sanzione), al tasso legale annuo attualmente pari allo 0,01% per ogni giorno di ritardo, utilizzando la seguente formula: Interessi = imposta x giorni di ritardo x tasso legale:36500

COME CONTATTARE L’UFFICIO IMU: tramite posta elettronica ai seguenti indirizzi: tributi@comune.gela.cl.it – tributi@pec.comune.gela.cl.it

Tutta la modulistica e ulteriori informazioni sono disponibili sul sito internet istituzionale all’indirizzo www.comune.gela.cl.it nell’apposita sezione “Istanze On Line”.

 

Leggi tutto

Censimento 2021: avete ricevuto la lettera dell’ISTAT? Ecco tutto quello che dovete fare

Si comunica alla cittadinanza che, nei mesi scorsi, l’Istat ha inviato una lettera informativa per invitare un campione di famiglie residenti nel territorio del Comune di Gela a partecipare al Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni – anno 2021.

Le famiglie dovranno compilare on line il questionario collegandosi all’indirizzo: https://raccoltadati.istat.it/questionario e inserendo le proprie credenziali di accesso fornite dall’ Istat. In alternativa, potranno recarsi presso il Centro Comunale di Rilevazione che ha sede al Comune, dove potranno utilizzare un pc con accesso a internet per compilare il questionario autonomamente o tramite intervista condotta da un operatore/rilevatore comunale. C’è tempo fino al 13 dicembre 2021.

Il Centro Comunale di Rilevazione è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,30, ed il Martedì e Giovedì dalle ore 15,30 alle 17,00.

Le famiglie che non hanno ancora compilato il questionario on line, oltre ad avere sempre a disposizione il canale on line e la possibilità di recarsi presso un CCR del proprio Comune, saranno contattate da un operatore/rilevatore comunale per un’intervista faccia a faccia o telefonica.

Dal 14 dicembre l’intervista sarà possibile solo tramite operatore/rilevatore comunale, presso il proprio domicilio oppure presso i Centri Comunali di Rilevazione. Se l’appuntamento per l’intervista è già stato fissato presso il proprio domicilio, il questionario dovrà essere compilato esclusivamente con l’ausilio di un rilevatore comunale. In ogni caso, per non incorrere nelle sanzioni previste, il questionario dev’essere compilato entro e non oltre il 23 dicembre 2021. Per informazioni e/o chiarimenti è possibile contattare il CCR ai numeri 0933-906271 o 0933-906360 oppure il numero verde 800.188.802 (attivo tutti i giorni fino al 23 dicembre dalle ore 9.00 alle ore 21.00). Infine, si può scrivere una mail a censimentipermanenti.popolazionelista@istat.it.

Attenzione! Le sanzioni per chi non compilerà e non consegnerà i moduli vanno da 206,58 a 2.065,83 euro.

Leggi tutto

Maltempo: l’assessore Toni Scilla ha assicurato al Sindaco Greco e al Presidente Sammito che Gela avrà i ristori

Il Sindaco Lucio Greco e il Presidente del consiglio comunale Totò Sammito intervengono per rassicurare gli imprenditori agricoli in merito alla proclamazione dello stato di calamità naturale.

Dopo i chiarimenti dell’assessore Giuseppe Licata sulla delibera regionale n. 500 del 25 novembre 2021, Greco e Sammito, nel pomeriggio, hanno interloquito telefonicamente con l’assessore regionale all’agricoltura Toni Scilla, che ha garantito personalmente l’inserimento del comune di Gela tra quelli destinatari dei benefici e dei ristori per gli agricoltori colpiti dalla violenta ondata di maltempo del mese di novembre.

“Scilla ci ha chiaramente detto che possiamo stare tranquilli, e che è lui stesso in possesso dell’atto di indirizzo che abbiamo votato in consiglio comunale. Nessuno crei allarmismo, dunque. Nella prossima delibera regionale ci sarà anche Gela” affermano Greco e Sammito.

Leggi tutto

Stato di calamità naturale: l’assessore all’agricoltura Giuseppe Licata fa chiarezza dopo la delibera regionale

L’assessore all’agricoltura Giuseppe Licata fa chiarezza sulla delibera regionale n. 500 del 25 novembre 2021 relativa alla dichiarazione dello stato di crisi e di emergenza “per gli eventi meteo avversi del mese di ottobre 2021 e di dichiarazione dello stato di crisi e di emergenza per gli eventi che, nei giorni dall’8 al 17 novembre 2021, hanno interessato il territorio della Regione Siciliana”.

La delibera, infatti, riconosce lo stato di emergenza per i comuni di Mussomeli, Niscemi, Riesi, Serradifalco e Sommatino ed esclude Gela. “Ritengo che si sia creata un po’ di confusione, – spiega l’assessore Licata – perché questa è la delibera che riguarda i danni alle strade e alle infrastrutture, le esondazioni di fiumi, i crolli, i danni alle attività e tutto quello che attiene al rischio idrogeologico, emessa in base alle segnalazioni del dipartimento regionale della Protezione Civile. In questo senso, avremmo dovuto esserci perché ci risulta che diversi magazzini e attività si sono allagati e hanno avuto dei problemi, in via Venezia e in altre strade della città. Ci attiveremo subito, pertanto, per chiedere lumi. La delibera del dipartimento agricoltura, invece, non c’è ancora, ma posso assicurare che è stata fatta richiesta per la proclamazione dello stato di calamità naturale, e se alla Regione conoscono un minimo la piana di Gela e sanno che è la più grande ed importante della provincia di Caltanissetta, non potranno riservarci strane e spiacevoli sorprese. In ogni caso, sappiano i cittadini e gli agricoltori che noi siamo qui e monitoriamo tutto, pronti ad andare a Palermo per far valere le nostre ragioni e quelle di un’intera comunità”.

 

Leggi tutto

“Cities for life”: il Comune si illumina di blu con la Comunità di Sant’Egidio contro la pena di morte

Il Comune di Gela sposa e fa sua l’iniziativa della comunità di Sant’Egidio e aderisce alla 20esima Giornata Internazionale “Cities for Life: Città per la Vita – Città contro la Pena di Morte” illuminandosi di blu.

Attraverso questa iniziativa la Comunità di Sant’Egidio intende valorizzare il ruolo delle Municipalità per tenere alta l’attenzione sui diritti umani e il valore della vita. Diritti e valori di cui anche Papa Francesco si è più volte fatto ambasciatore, invitando tutti, non solo i cristiani, ad impegnarsi per diffondere una sensibilità e una cultura contrarie alla guerra e alla pena di morte. Lo scorso mese di dicembre l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato una nuova Risoluzione per una Moratoria Universale della pena capitale, che rinforza ulteriormente il movimento abolizionista. Movimento che ha portato, fino ad ora, 133 Paesi ad abolire la pena di morte o comunque ad osservare una moratoria. Tra questi Stati Uniti, Iraq e Arabia esaudita.

“Cities for Life” viene promossa il 30 Novembre in ricordo della prima abolizione della pena capitale, avvenuta nel 1876 nel granducato di Toscana. Oggi oltre 2000 città in tutto il mondo si uniscono per l’abolizione della pena capitale. “Accendendo questa sera di blu il nostro Palazzo di Città – hanno dichiarato il Sindaco Lucio Greco con i suoi assessori e il Presidente Totò Sammito – abbiamo accolto l’invito che ci è stato rivolto dalla Comunità di Sant’Egidio e lanciato un messaggio chiaro: noi sosteniamo la rete internazionale e la mission della comunità di Sant’Egidio e siamo pronti a fare la nostra parte per un mondo libero dall’orrore della pena di morte. Un ringraziamento ai referenti della Comunità a Gela Giuseppina Lo Biundo e Selenia la Spina”.

Leggi tutto

Emergenza conferimenti a Timpazzo: il Sindaco Greco a Palermo con la SRR Caltanissetta Sud

Il Sindaco Lucio Greco e l’assessore all’ambiente Cristian Malluzzo hanno preso parte oggi alla riunione della Srr Caltanissetta Sud convocata a Palazzo d’Orleans dall’assessore all’energia Daniela Baglieri. Con lei il Dirigente dell’omonimo dipartimento ing. Calogero Foti, i Dirigenti Generali del Dipartimento Regionale delle Infrastrutture, della Mobilità e dei Trasporti Giovanni Arnone, e dell’Ambiente Giuseppe Battaglia, l’ARPA e il Funzionario Direttivo Andrea Lipari.

Sul tavolo, la complessa e delicata questione legata ai conferimenti a Timpazzo, nonché quella dei vincoli SIC e ZPS in vista della riperimetrazione e dell’ampliamento della discarica. “Come SRR – ha dichiarato Greco – abbiamo dato segnali di solidarietà prolungati agli altri territori della Sicilia, e ancora oggi, nonostante le nostre forti e legittime preoccupazioni, continuiamo a darne, permettendo il conferimento dei rifiuti di altre province a Timpazzo. L’auspicio era che la riunione di oggi servisse almeno ad avere tempi certi rispetto al prolungarsi di questa emergenza, ma purtroppo così non è stato. La Regione ha annunciato che lunedì avrà un incontro con Sicula Trasporti e martedì ci riconvocherà insieme alle altre SRR della Sicilia per sapere cosa è stato fatto in base alle direttive regionali sul trasporto dei rifiuti fuori dall’Isola. Nelle more, però, rimane tutto invariato”.

Greco ha sottolineato come, fino ad oggi, sia stato privilegiato il dialogo, condizione essenziale della buona politica, ma è altresì fondamentale poter iniziare a dare risposte chiare e certe ai cittadini. “Siamo stati aperti e disponibili, – ha aggiunto – abbiamo compreso le difficoltà di altre città, e non vorremmo ora essere costretti ad agire per altre vie pur di difendere le nostre comunità e i nostri territori. Urge un tavolo permanente per capire, innanzitutto, quanto durerà ancora questa situazione, che sta compromettendo la tenuta stessa della vasca, portandola rapidamente alla saturazione. Serve individuare insieme i percorsi più giusti per ovviare a ciò, tenendo conto che ognuno di noi ha il diritto e il dovere di dare conto alla comunità che rappresenta. A fronte di una situazione di emergenza, abbiamo fatto il possibile per non mettere in difficoltà la regione, a costo di subire attacchi e critiche pesanti, ma a tutto c’è un limite, e anche altri Sindaci della SRR convergono oramai su questa mia posizione e condividono quella che è stata la mia linea sin dall’inizio”.

Greco conclude augurandosi che in settimana il Presidente della SRR, Filippo Balbo, convochi tutti i Sindaci per una discussione approfondita, alla luce dell’incontro di oggi e in vista di quello di martedì prossimo.

Leggi tutto

In archivio la VII Maratona del Golfo. Malluzzo: “L’evento cresce, sia in termini di numeri che di prestigio”

(Foto: www.siciliarunning.it)

Va in archivio la settima edizione della “Maratonina del Golfo”. A salire sul podio sono stati Mohamed Idrissi e Annalisa di Carlo della Mega Hobby Sport che hanno chiuso, rispettivamente, con il tempo di 1h14.28 il primo e di 1h30’31 la seconda. Nella mezza maratona da 10,500 km, invece, hanno vinto Vincenzo Spartà della Niscemi Runnng e Lucia Calafiore della ASD Placeolum.

431 gli atleti ai nastri di partenza, ieri mattina a Macchitella, per la gara podistica valida anche come terza prova grand prix regionale e secondo Trofeo Aisa–10.500 metri e come memorial dedicato ad Aurelia Triberio e Nunzio Cavaleri. La kermesse sportiva è stata promossa dall’Atletica Gela, presieduta da Salvatore Iovino, col patrocinio del Comune e dell’assessorato allo sport con l’assessore Cristian Malluzzo presente sul posto per organizzare al meglio tutte le fasi dell’evento che ha portato a Gela oltre 2000 persone da tutta Italia, tra società con staff tecnico al seguito e familiari dei runners.

“Voglio ringraziare l’Atletica Gela e tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione, giunta alla settima edizione e in costante crescita, sia in termini di numeri che di prestigio. Nonostante le condizioni climatiche non ottimali e le necessarie restrizioni dovute alla pandemia, che ci hanno spinto a reinventare tutto per quanto riguarda le modalità di partecipazione, è stato davvero un bell’evento, che ha richiamato un gran numero di appassionati e ha dato ossigeno al settore alberghiero e della ristorazione, visto che in tanti, giunti a Gela per l’occasione, si sono fermati per alcuni giorni e hanno avuto modo di godere dei nostri paesaggi e delle nostre bellezze, che proprio in questi giorni sono stati anche vantati ed esaltati dal filosofo Diego Fusaro in un video. Anche questo è economia ed è turismo, e su questa linea intendiamo continuare a muoverci, nell’ottica della promozione, 12 mesi all’anno, del nostro territorio” ha dichiarato l’assessore Cristian Malluzzo.

Leggi tutto

Il Sindaco Lucio Greco commenta la sentenza del CGA a favore della Regione

Il Sindaco Lucio Greco prende ufficialmente posizione dopo la notizia della sentenza del CGA che ha dato ragione alla Regione Sicilia sul taglio dei 33 milioni per i progetti inseriti nel ‘Patto per il sud’. “La verità è semplice: – afferma – abbiamo provato a salvarli, ma sapevamo che era difficile. Stiamo parlando di progetti estremamente datati, che le amministrazioni che ci hanno preceduto e i politici parolai hanno rispolverato ad ogni campagna elettorale per racimolare consensi e poi si sono buttati alle spalle. Voglio ricordare, a conferma di ciò, che noi ci siamo insediati nel giugno 2019 e il primo definanziamento è arrivato a novembre. Presentare ricorso era l’unica via per cercare di recuperare questi soldi”.

Il Sindaco ricorda che quando ha tirato i fascicoli fuori dai cassetti, è stato immediatamente chiaro che non c’era nulla di esecutivo e cantierabile. “Era solo carta straccia. E nonostante tutto, – prosegue – mentre lavoravamo ai nostri progetti, seri e finanziabili, abbiamo provato a rimetterli in carreggiata, perché siamo persone coerenti, che fanno quello che dicono con serietà e senso di responsabilità, e per noi prima di tutto viene la città, con il territorio e la comunità locale, poi tutto il resto”.

Greco insiste sul fatto che la sua amministrazione abbia sempre cercato e seguito la strada del dialogo e del confronto con il governo regionale, e non è un caso che gli ottimi rapporti politici e istituzionali abbiano portato tanti risultati in questa prima parte di legislatura. “I nostri progetti – conclude – hanno trovato il favore degli uffici regionali, e presto si tradurranno in soldi reali per la città. Abbiamo sempre avuto le idee chiare e con esse andiamo avanti, nonostante le criticità e le difficoltà dovute alla pandemia, che ci ha molto rallentato, e ad una pianta organica totalmente collassata, che mi ha spinto a chiedere subito di indire concorsi pubblici. Più di questo ritengo che non si potesse fare”.

Leggi tutto

Maratonina del Golfo: ecco i provvedimenti per la viabilità stabiliti dalla Polizia Municipale

In occasione della 7^ edizione della Maratonina del Golfo la Polizia Municipale ha emesso una ordinanza per regolare la viabilità a partire dalle 7.30 di domani mattina nelle vie che saranno interessate dalla manifestazione sportiva. La partenza è prevista sul Viale Cortemaggiore, e gli atleti proseguiranno poi attraverso il lungomare fino all’intersezione con la via del Fiume Gela per poi tornare indietro percorrendo nuovamente viale Federico II° di Svevia e Viale Cortemaggiore fino all’incrocio con la via Minerbio. L’ordinanza cesserà alla fine della gara podistica, e comunque quando l’apposita segnaletica sarà stata rimossa. Ecco cosa prevede:

DIVIETO DI SOSTA CON RIMOZIONE FORZATA ambo i lati su: Viale Cortemaggiore, tratto compreso tra la via Minerbio e la via Rio de Janeiro; Viale Imperatore Federico II° di Svevia, tratto compreso tra il viale Cortemaggiore e la via del Fiume Gela;

SENSO UNICO DI MARCIA con direzione di marcia Ovest-Est su: Via Dalmazia, tratto compreso tra la via Matteotti e la via Colombo; Via Colombo, tratto compreso tra la via Dalmazia e la Piazza Padre Pio;

DOPPIO SENSO DI MARCIA con direzione di marcia Ovest-Est su: Via Ripalta; Via Fontanarossa, tratto compreso tra la via Ripalta e la via Romanengo; Via Romanengo;

DIVIETO DI TRANSITO VEICOLARE per ogni categoria di veicolo, eccetto i veicoli adibiti a servizi di polizia, antincendio e di pronto soccorso, su: Viale Federico II° di Svevia, tratto compreso tra la via del Fiume di Gela e il viale Cortemaggiore; viale Cortemaggiore, tratto compreso tra la via Rio de Janeiro e la via Minerbio;

PREAVVISO DI STRADA CHIUSA AL TRANSITO in tutte le intersezioni secondarie che anticipano le strade di cui al precedente punto fino alla prima strada principale;

PERCORSO ALTERNATIVO per il trasporto pubblico locale riferito al quartiere Macchitella: Viale E. Mattei, rotatoria viale Cortemaggiore, viale Cortemaggiore, via Pandino, viale Mazara del Vallo, via Cammarata, viale E. Mattei, viale Indipendenza, via Manzoni, Corso Salvatore Aldisio, via Istria, via Colombo, Giacomo Navarra Bresmes, via Tevere, via Venezia, via Settefarine, via Madonna del Rosario, Stazione ferroviaria;

Le transenne, con appositi moduli ben visibili ed omologati dal Ministero delle infrastrutture, saranno poste nelle seguenti intersezioni stradali: intersezione Viale Cortemaggiore/via Minerbio, viale Cortemaggiore /via Caviaga, viale Cortemaggiore/via Ripalta, viale Cortemaggiore/Via Rio de Janeiro, viale Imperatore Federico II° di Svevia /via Sobrero, viale Imperatore Federico II° di Svevia/ingresso porto rifugio, Viale Imperatore Federico II° di Svevia/Borsellino, Viale Federico II° di Svevia/ via Matteotti, viale Federico II° di Svevia /via Colombo, viale Federico II° di Svevia/via Remo, via Federico II° di Svevia/via Vespucci/via Mare, viale Federico II° di Svevia/via del Fiume Gela, viale Federico II° di Svevia/Strada senza denominazione antistante il Palazzo di Vetro della Raffineria di Gela.

Leggi tutto